Fosse di 7000 anni a Tainiaro potrebbero essere il sito di sepoltura dell’età della pietra più settentrionale

Fosse di 7000 anni a Tainiaro potrebbero essere il sito di sepoltura dell’età della pietra più settentrionale

Una delle fosse a Tainiaro
Foto: Tuija Laurén, Finnish Heritage Agency, Antiquity Publications Ltd.

Potrebbero le fosse, risalenti a quasi 7000 anni, scoperte nel sito archeologico di Tainiaro nel nord della Finlandia, essere considerate il cimitero dell’Età della Pietra più settentrionale? Una nuova ricerca sta esplorando questa possibilità.1

Tainiaro è un sito archeologico situato sulle sponde del fiume Simojoki, a sud della Lapponia finlandese, a soli 80 chilometri (circa 50 miglia) a sud del Circolo Polare Artico. Questo sito, immerso nelle vaste foreste boreali della Finlandia, è stato scoperto per caso dai lavoratori che scavavano la sabbia nel 1959. Tuttavia, gli scavi archeologici principali e gli studi approfonditi del sito sono stati condotti trent’anni dopo.

Negli scavi condotti a Tainiaro sono stati rinvenuti fino ad oggi oltre 32.000 reperti archeologici. Tuttavia, non è mai stata raggiunta una conclusione definitiva sul fatto che le fosse scoperte nel sito possano essere interpretate o meno come tombe.

La maggior parte dei reperti rinvenuti a Tainiaro sono costituiti da manufatti lapidei e pietre grezze, con una piccola porzione costituita da ceramiche e ossa di animali combusti.

Tainiaro
Tainiaro
Foto: Aki Hakonen, Antiquity Publications Ltd.

Dopo un attento esame dei disegni sul campo degli scavi precedenti, i ricercatori hanno identificato 127 potenziali pozzi di varie forme a Tainiaro. La maggior parte delle fosse rettangolari hanno restituito frammenti litici e ossa di animali bruciati. Inoltre, tracce di vernice ocra rossa sono state trovate in piccole quantità all’interno di 23 fosse.

L’acidità intrinseca del suolo nella zona settentrionale di Fennoscandia rappresenta una sfida significativa per la conservazione dei materiali organici per periodi prolungati. In questo ambiente, i resti organici come denti e ossa raramente durano più di qualche millennio. Di conseguenza, condurre analisi osteoarcheologiche approfondite su tali resti organici all’interno di questa particolare regione diventa notevolmente complicato e limitato.

La fragilità del materiale organico in questo ambiente crea una lacuna significativa nella capacità di esaminare direttamente gli antichi resti biologici. Pertanto, gli studiosi e gli archeologi che lavorano nella Fennoscandia settentrionale ricorrono spesso a metodologie alternative per avanzare le loro ipotesi e interpretazioni. L’analisi comparativa rappresenta un approccio chiave utilizzato per colmare questa lacuna nell’esame diretto. Sfruttando i dati disponibili, facendo riferimento a reperti archeologici simili provenienti da altre regioni o periodi con condizioni di conservazione più favorevoli, gli studiosi possono stabilire paralleli e trarre inferenze per supportare le loro ipotesi. Questo è esattamente ciò che hanno fatto i ricercatori in uno studio pubblicato su Antiquity la scorsa settimana.

Secondo lo studio condotto da Aki Hakonen, Noora Perälä, Samuel Vaneeckhout, Jari Okkonen del Dipartimento di Archeologia dell’Università di Oulu, insieme alla ricercatrice indipendente Tuija Laurén, si propone che Tainiaro debba essere considerato un sito cimiteriale. I ricercatori affermano che questa conclusione è stata raggiunta sulla base di confronti morfologici e di una rivalutazione dei risultati esistenti.

Nello specifico, le fosse contenenti ocra rossa a Tainiaro sono in linea con le dimensioni medie di altre tombe contenenti ocra in Finlandia. Secondo i ricercatori, considerando le tombe che accolgono più di una inumazione, emerge una correlazione più marcata tra le fosse rinvenute a Tainiaro e le sepolture di altri cimiteri nordeuropei.

Età della pietra nella Fennoscandia settentrionale

Fennoscandia si riferisce alla regione geografica del Nord Europa, che comprende la penisola scandinava, la Finlandia e la penisola di Kola in Russia. Geologicamente, è spesso associato allo Scudo Baltico, una vasta area di rocce precambriane esposte.2

Fennoscandia
Fennoscandia

Nei primi periodi di Fennoscandia, le persone si sostenevano attraverso attività di caccia e raccolta. I ritrovamenti archeologici indicano che durante questo periodo le persone svilupparono tecniche di caccia e si dedicarono alla caccia utilizzando strumenti di pietra. Tuttavia, è noto che gli insediamenti permanenti erano limitati durante quest’epoca e le persone generalmente conducevano uno stile di vita nomade.

Con il ritiro dell’era glaciale, durante il Mesolitico, gli abitanti di Fennoscandia continuarono il loro sostentamento basato sulla caccia e sulla raccolta. In quest’epoca, le persone nelle regioni settentrionali si distinguevano come gruppi stagionali di cacciatori-raccoglitori-pescatori. Questi gruppi sostenevano la loro vita basandosi sulle risorse naturali.

Le prove archeologiche rivelano che durante il periodo mesolitico le persone svilupparono tecniche di caccia e utilizzarono strumenti caratteristici per la pesca, oltre agli strumenti di pietra.

La regione subì cambiamenti significativi durante il Neolitico. Le persone nella Fennoscandia settentrionale iniziarono a costruire residenze permanenti e a mostrare segni di sedentarismo durante quest’epoca. Il maggiore utilizzo della ceramica e l’emergere di unità insediative permanenti come i villaggi sono caratteristiche notevoli del periodo neolitico.

  1. Hakonen, A., Perälä, N., Vaneeckhout, S., Laurén, T., & Okkonen, J. (2023). A large fifth-millennium BC cemetery in the subarctic north of the Baltic Sea? Antiquity, 97(396), 1402-1419^
  2. GORBATSCHEV, Roland; BOGDANOVA, Svetlana. Frontiers in the Baltic shieldPrecambrian Research, 1993, 64.1-4: 3-21^
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments