Dizionario dei periodi archeologici

Dizionario dei periodi archeologici

Quando si tratta di epoca preistorica, viene utilizzato principalmente il sistema delle tre età. Un concetto metodologico, il sistema delle tre età, è stato sviluppato nel XIX secolo da Christian Jürgensen Thomsen, un antiquario danese. Secondo il sistema delle tre età, i periodi preistorici sono divisi in tre come età della pietra, età del bronzo ed età del ferro. Tuttavia, alla luce di nuove scoperte, il sistema è stato rivisto e sono emersi i termini attuali: Paleolitico, Mesolitico, Neolitico, Calcolitico, Età del Bronzo e Età del Ferro. Tuttavia, l’errore più comune è presumere che ovunque i periodi archeologici inizino e finiscano nello stesso momento. Di solito sono gli sviluppi industriali e socioeconomici nelle società che determinano le date di inizio e fine dei periodi. Pertanto, i periodi archeologici, in particolare i periodi post-paleolitico, sono iniziati e terminati in tempi diversi nelle diverse regioni. Per questo motivo, i periodi temporali corrispondenti ai periodi non sono riportati sotto un’unica voce, ma sono valutati in base alle diverse aree geografiche all’interno del paragrafo.

Paleolitico

Il periodo archeologico iniziato circa 3,3 milioni di anni fa e terminato 12 mila anni fa è chiamato Paleolitico. Si sovrappone quasi al Pleistocene, un’epoca geologica. È l’emergere dei primi strumenti di pietra che ha dato inizio al periodo paleolitico. Pietre facilmente lavorabili, ossa, corna, gusci di molluschi e rami di alberi sono i materiali più utilizzati per la realizzazione di utensili paleolitici. Durante il Paleolitico, la cultura dei cacciatori-raccoglitori e il nomadismo erano dominanti.

È diviso in tre come inferiore, medio e superiore:

Paleolitico inferiore

È il primo e più lungo sottoperiodo del Paleolitico. È iniziato 3,3 milioni di anni fa e si è concluso circa 300 mila anni fa. Il genere Homo è emerso durante questo periodo. Le prime prove che gli ominidi potessero controllare il fuoco risalgono alla metà del Paleolitico inferiore. Secondo alcuni antropologi, le specie carnivore di Homo sono passate da una vita di spazzini a una vita di cacciatori-raccoglitori all’inizio del Paleolitico inferiore.

📕 Specie del genere Homo

Paleolitico medio

È il secondo sottoperiodo del Paleolitico. È iniziato 300mila anni fa e si è concluso circa 50mila anni fa. Gli esseri umani moderni iniziarono a migrare dall’Africa dalla metà del Paleolitico medio. Si ritiene che in questo periodo siano emerse competenze come l’uso di simboli, il pensiero astratto, l’espressione artistica ei primi rituali religiosi, ma non è stato ancora raggiunto un consenso su questo tema. L’uso del fuoco si diffuse nel Paleolitico medio. La raccolta dei cacciatori continuò, ma anche i frutti di mare furono inclusi nella dieta quotidiana.

Paleolitico superiore

È l’ultimo sottoperiodo del Paleolitico. È iniziato 50.000 anni fa e si è concluso circa 12 mila anni fa con la fine dell’ultima era glaciale. La diffusione dell’uomo moderno nell’Europa meridionale e centrale ebbe luogo durante questo periodo. I Neanderthal scomparvero nel primo quarto del Paleolitico superiore. A causa dell’ultima era glaciale, si pensa che il livello del mare sia stato di almeno 100 metri più basso di oggi. Ciò significa che alla fine del Paleolitico superiore gli insediamenti costieri sono ormai sommersi.

Mesolitico

È un periodo di transizione tra il Paleolitico e il Neolitico. Il periodo pre-agricolo tra la fine dell’ultimo massimo glaciale e la rivoluzione neolitica è chiamato Mesolitico. Si ritiene che abbia avuto inizio intorno al 14.000 a.C. in alcune parti dell’Asia meridionale e del Vicino Oriente, intorno al 12.000 a.C. nell’Europa sud-orientale e intorno al 10.000 a.C. nell’Europa settentrionale. Il Mesolitico, che terminò intorno all’10.000 a.C. attorno al Levante e alla Mezzaluna Fertile, durò fino al 3000 a.C. in alcune parti dell’Europa e dell’Asia interna. Il fattore più importante che ha ritardato la realizzazione della rivoluzione agricola nel Nord Europa sono state le ricche risorse alimentari nelle paludi e nei laghi, che sono state create a causa del riscaldamento climatico.

Neolitico

Il periodo compreso tra il Mesolitico e il Calcolitico è detto Neolitico. È caratterizzato dalla rivoluzione agricola e dal passaggio alla vita stabile. Molte specie animali e vegetali furono addomesticate nel Neolitico. Cominciò intorno al Levante e alla Mezzaluna Fertile intorno all’10.000 a.C., nell’Europa sudorientale intorno al 6000 a.C., nell’Europa occidentale intorno al 4000 a.C. e in alcune parti del Nord Europa e dell’Asia centrale intorno al 3000 a.C. Le società neolitiche generalmente vivevano in tribù costituite da molti sottogruppi. La proprietà dei terreni agricoli e degli animali addomesticati ha portato nel tempo a un aumento delle disuguaglianze sociali. Secondo alcuni ricercatori, in questo periodo sono emersi concetti come gerarchia sociale ed eredità.

Calcolitico

È il periodo compreso tra il neolitico e l’età del bronzo. È anche conosciuta come l’età del rame. Insieme agli strumenti di pietra, gli strumenti di rame entrarono a far parte della vita quotidiana in questo periodo. Cominciò nel Vicino Oriente e nell’Europa sud-orientale intorno al 5000 a.C. e terminò intorno al 3000 a.C. La popolazione e il numero degli insediamenti iniziarono ad aumentare rapidamente dall’inizio del periodo calcolitico. Alla fine del Calcolitico, le prime civiltà conosciute emersero nel Vicino Oriente, come i Sumeri, e iniziò il commercio di minerali tra le civiltà.

Età del bronzo

È il periodo compreso tra il calcolitico e l’età del ferro. In questo periodo si diffusero gli utensili in bronzo prodotti dalla fusione di rame e stagno. La scrittura è stata inventata nell’età del bronzo. Cominciò nel Vicino Oriente, nell’Europa meridionale, nei Balcani e in parti dell’Asia meridionale intorno al 3300-3000 a.C. e terminò intorno al 1200-700 a.C. L’età delle colonie commerciali assire e l’antica età ittita coincidono con la metà dell’età del bronzo. Alla fine del periodo si verificarono crolli culturali e socioeconomici chiamati Collasso dell’età del bronzo.

Età del ferro

È l’ultimo dei periodi preistorici. Dopo l’età del ferro, inizia la storia antica. La caratteristica più distintiva di questo periodo è l’importanza del ferro nella fabbricazione di strumenti e armi. Cominciò nel Vicino Oriente, nell’Europa meridionale, nei Balcani e in parti dell’Asia meridionale tra il 1200-1000 a.C. e terminò intorno al 700-200 a.C. A causa del crollo dell’età del bronzo che ebbe luogo alla fine dell’età del bronzo, il commercio tendeva a contrarsi nella prima età del ferro. L’uso delle lettere alfabetiche divenne comune nell’età del ferro.



La conoscenza si moltiplica quando condivisa:

One thought on “Dizionario dei periodi archeologici

Comments are closed.