Metodi di smaltimento dei resti umani

Metodi di smaltimento dei resti umani

I metodi di smaltimento dei resti umani ei riti praticati durante la sepoltura variano a seconda delle religioni e delle culture. Sebbene l’inumazione e la cremazione siano i metodi di smaltimento più comuni oggi, le persone hanno praticato molti metodi diversi sin dal Paleolitico.

Inumazione

Smaltimento di resti umani, inumazione

L’inumazione, uno dei metodi di smaltimento più comuni in tutto il mondo, è la deposizione di cadaveri nel terreno. Di solito si ottiene seppellendo il corpo in una fossa che va da 1 metro a 2 metri. Il corpo può essere sepolto con la bara, in un sudario o nudo. In alcune culture, anche gli effetti personali del defunto vengono sepolti con il defunto. In passato, soprattutto dal calcolitico all’età del ferro, era comune che i cadaveri venissero seppelliti con oggetti di valore e oggetti che potevano essere utili dopo la morte.

Non c’è consenso tra gli scienziati su quando sia stata praticata per la prima volta l’inumazione. Tuttavia, si stima che sia emerso nel Paleolitico medio.1 Ci sono molti studi che dimostrano che la prima specie umana a seppellire consapevolmente i propri morti furono i Neanderthal.2

Sepoltura con bara

Quando si tratta di inumazione, è pratica comune seppellire il corpo dopo averlo deposto in una bara. In questo caso, il defunto potrebbe essere stato avvolto in un sudario o vestito con abiti cerimoniali. La forma, le dimensioni e la materia prima della bara variano a seconda della cultura, della religione, delle tradizioni e delle condizioni economiche.

Tuttavia, alcuni preferiscono la sepoltura senza bara, poiché le bare ritardano il processo di decomposizione.

Sepoltura senza bara

La sepoltura senza bara è comune tanto quanto la sepoltura con una bara. Generalmente, la sepoltura senza bara è preferita nei casi in cui si desidera che il processo di decomposizione termini rapidamente.

Sepoltura con sudarioSepoltura senza sudario
Il corpo viene seppellito in un sudario per motivi religiosi, morali e igienici.Il corpo viene seppellito nudo per preferenza o necessità personale. È vietato in alcuni paesi.

Cremazione

La cremazione è un metodo per smaltire i resti umani dando fuoco al cadavere. Nei tempi moderni, la cremazione viene solitamente completata in circa 2 o 3 ore nei crematori. Tuttavia, in alcuni paesi, questo processo può avvenire all’aperto e per un periodo di tempo più lungo.

Contrariamente alla credenza popolare, l’intero corpo non si trasforma in cenere dopo la cremazione. I restanti frammenti ossei vengono polverizzati con una mola meccanica e consegnati ai parenti autorizzati del defunto.

Non è chiaro quando sia stata praticata la prima cremazione. Ma i resti umani di quasi 20.000 anni (LM1) scoperti in Australia nel 1969 sono una delle prime cremazioni conosciute.3 Gli esemplari più antichi in Europa risalgono al Neolitico.4

Con la diffusione del cristianesimo le pratiche di cremazione furono in gran parte abbandonate, ma la richiesta di cremazione iniziò ad aumentare a partire dalla fine dell’Ottocento. Secondo uno studio del 2020, i tassi di cremazione sono superiori al 70% in Canada, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Hong Kong, Giappone, Singapore, Corea del Sud, Svezia, Svizzera, Tailandia e Regno Unito.5

Escarnazione

L’escarnazione è la pratica di rimuovere gli organi dal corpo del defunto e di strappare la carne del cadavere dalle ossa prima della sepoltura. È una delle usanze funebri più antiche ed è praticata in alcune comunità anche in epoca moderna.

I resti umani di 160.000 anni (Homo sapiens) trovati in Etiopia sono la più antica testimonianza archeologica di disincarnazione.6

Escarnazione con lame

È la pratica di raschiare la carne dei morti con uno strumento tagliente. Era un’usanza comune in alcune comunità in epoca preistorica. Alcuni reperti archeologici indicano anche il cannibalismo.

Sepoltura del cielo

È una tecnica di disincarnazione in cui i cadaveri vengono lasciati sulle cime delle montagne. In questa usanza, la carne dei morti viene mangiata da uccelli carnivori e animali spazzini. È generalmente praticato in Cina, Tibet, Mongolia, Bhutan e India.

Nello zoroastrismo, i morti vengono portati in strutture chiamate Torri del Silenzio e lasciati fuori perché gli uccelli carnivori li mangino.

Sepoltura in alberi

È la deposizione del corpo del defunto su un albero per un po’. Dopo che la carne del defunto si è decomposta, le ossa rimanenti vengono solitamente sepolte o trasportate in un altro luogo. È stato praticato da alcuni aborigeni australiani, nativi americani e comunità sciamaniche.

Metodi ecologici per lo smaltimento dei resti umani

Nel 21° secolo sono stati sviluppati nuovi metodi per smaltire i cadaveri umani a causa del cambiamento climatico, del riscaldamento globale, dei problemi ambientali e delle preoccupazioni ecologiche.

Promession

Promession è un metodo di smaltimento dei resti umani mediante liofilizzazione. È stato sviluppato dalla biologa svedese Susanne Wiigh-Mäsak, scomparsa nel 2020.

In questo metodo, il corpo del defunto viene cristallizzato con azoto liquido a -196°C e poi disintegrato in particelle mediante vibrazioni. I resti che si presentano sotto forma di polvere secca vengono sepolti nel terreno con una bara e si trasformano in humus al massimo entro un anno.7

Acquamazione (Cremazione dell’acqua)

L’acquamazione, nota anche come idrolisi alcalina, è un metodo sviluppato come alternativa all’inumazione o alla cremazione. Si basa sul principio che il corpo del defunto viene scomposto in componenti chimici in acqua calda.

Innanzitutto, il corpo viene posto in un recipiente a pressione. Successivamente, il recipiente a pressione viene riempito con acqua e viene aggiunto idrossido di potassio. Dopo che il corpo è stato immerso in acqua a 160°C per circa 4-6 ore, rimangono solo le ossa ammorbidite. Le ossa vengono macinate in polvere e restituite alla famiglia del defunto. Il liquido marrone costituito da componenti chimici viene smaltito con altri metodi.

Terramizzazione

È un metodo per convertire rapidamente i resti umani in compost attraverso l’attività microbica in condizioni speciali. Materiali come trucioli di legno, paglia ed erba medica vengono utilizzati per accelerare la decomposizione. I corpi si trasformano in compost in appena uno o due mesi.

  1. Intentional Human Burial: Middle Paleolithic (Last Glaciation) Beginnings“, Yuri SMIRNOV, Journal of World Prehistory, Vol 3, No 2^
  2. “The Human Past”, Chris SCARRE, Thames & Hudson, ISBN: 9780500290637^
  3. Pleistocene human remains from Australia“, J. M. Bowler, Rhys Jones, Harry Allen & A. G. Thorne^
  4. The Origins of Cremation in Europe“, Agnieszka GIL-DROZD, Ana­lecta Archa­eolo­gica Res­so­viensia, Vol 5, 2010^
  5. 2022 NFDA Cremation & Burial Report“, National Funeral Directors Association, July 2022^
  6. Clark, J., Beyene, Y., WoldeGabriel, G. et al. “Stratigraphic, chronological and behavioural contexts of Pleistocene Homo sapiens from Middle Awash, Ethiopia” Nature 423, 747-752, 2003^
  7. Ecological burial“, Promesa Website^
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments