Simbolismo del cervo nella mitologia: il sacro cervo nelle culture del mondo

Simbolismo del cervo nella mitologia: il sacro cervo nelle culture del mondo

Il simbolismo del cervo si riferisce al significato e al significato che è stato attribuito all’immagine del cervo in varie culture e sistemi di credenze. I cervi che vivono nelle aree forestali hanno significati diversi nelle diverse civiltà. Questi includono l’immortalità, la guida, la fertilità, la gentilezza, il cambiamento e il rinnovamento. Questi diversi concetti hanno permesso al cervo di occupare un posto importante sia nella mitologia che nel folklore.

Cervo nella mitologia norrena

Nel folklore nordico, i cervi sono spesso associati alla fertilità, al ciclo di vita, alla caccia, alla natura e alle foreste. Tuttavia, ci sono miti sui cervi che hanno sfumature sia positive che negative.

Eikþyrnir è uno dei cervi più famosi della mitologia norrena. Vive sul tetto del Valhalla, la sala dei guerrieri uccisi, ad Åsgard, con una capra di nome Heiðrún, le cui mammelle gocciolano idromele.1

simbolismo del cervo, Eikþyrnir e Heiðrún
Eikþyrnir e Heiðrún (manoscritto islandese del XVII secolo)

Secondo antiche fonti letterarie, Eikþyrnir si nutre delle foglie di Yggdrasil, l’albero del mondo nella cosmologia norrena. Le acque che gocciolano dalle sue corna sfociano nella sorgente chiamata Hvergelmir e fanno riempire i fiumi.

Il poema Grímnismál nell’Edda poetica, un’importante fonte per la mitologia norrena, menziona quattro cervi, Dáinn, Dvalinn, Duneyrr e Duraþrór. Questi cervi sono descritti come animali che mangiano i rami di Yggdrasil.2 Alcuni ricercatori suggeriscono che questi cervi simboleggino le quattro stagioni.

Il cervo nelle mitologie greche e romane

Nella mitologia greca, i cervi sono considerati il simbolo della dea greca Artemide, associata alla caccia, alla natura e al parto. Per questo motivo, in molte opere d’arte, Artemide è raffigurata con accanto un cervo.

I cervi hanno un posto importante nelle storie e nei miti su Artemide. Sono raffigurati come animali considerati sacri e protetti da Artemide, e rappresentano l’aspetto della dea associato alla caccia e alla natura. Ecco perché in molte leggende la caccia al cervo è un peccato.

L’equivalente di Artemide nella mitologia romana è Diana, e uno dei suoi simboli è il cervo. Quasi tutti i templi costruiti in onore della dea Diana hanno corna appese alle pareti.

simbolismo del cervo, statua di Diana
Statua di Diana di Jean-Baptiste Tuby (1687)

Il simbolismo del cervo nella cultura greca e i significati simbolici del cervo nella mitologia greca non si limitano ad Artemide. I cervi sono anche considerati un simbolo di natura selvaggia, libertà, velocità, astuzia e potere. Le leggende includono molti eroi e dei che beneficiano dei poteri del cervo.

Uno dei 12 compiti di Eracle, figlio di Zeus e Alcmene, era quello di catturare uno dei cervi di Artemide, che poteva correre più veloce di una freccia. Eracle, un eroe divino, inseguì il cervo per circa un anno, poi lo catturò, ma in seguito chiese pietà ad Artemide e liberò il cervo.

Cervo nella mitologia celtica

Nella mitologia celtica, il cervo è una figura importante associata a varie dee e dei. È spesso considerato un simbolo di forza, resistenza e rigenerazione. Simboleggia la connessione tra il mondo naturale e il mondo spirituale e lo splendore del regno animale.

Il cervo è strettamente legato a Cernunnos, considerato il signore degli animali e del selvaggio. Cernunnos è spesso raffigurato come una figura sciamanica con corna in testa e circondato da animali come cervi, serpenti e lupi.

simbolismo del cervo, Cernunnos
Una figura cornuta, spesso identificata come Cernunnos, su un calderone dell’età del ferro. (Museo Nazionale Danese)
Foto: Nationalmuseet ©CC BY-SA 3.0

Sebbene ci siano relativamente poche informazioni su Cernunnos nelle fonti storiche, è una figura popolare nel neopaganesimo moderno. È anche associato al Dio Cornuto nella tradizione Wicca.

Nella mitologia celtica, il cervo era considerato una guida tra i regni. Si credeva che i cervi potessero aiutare le persone che volevano fare un viaggio nell’altro mondo.

Cervo nelle mitologie turche e ungheresi

Nelle mitologie turche e della Siberia meridionale, il simbolismo del cervo risale a tempi antichi. I denti di cervo sono stati rinvenuti in alcune tombe dell’Altai, suggerendo che i miti su questi misteriosi animali risalgono all’età del ferro. Tuttavia, col tempo, il culto del cervo fu sostituito dal culto del lupo in Turkestan. Soprattutto durante il periodo Göktürk, questa trasformazione culturale raggiunse il suo apice.

Börü: il simbolismo del lupo nella mitologia turca

Il popolo Göktürk era una società forte e bellicosa. Pertanto, questa trasformazione artistica e culturale indicava anche che era in atto una trasformazione sociologica. Ma le tracce di credenze legate ai cervi non sono mai scomparse. Anche nell’VIII secolo d.C., il cervo era ancora un simbolo di forza e agilità per il popolo Göktürk.

Si pensa che il simbolismo del cervo abbia un posto molto più importante nella cultura proto-turca. Lo storico dell’arte turco Yaşar Çoruhlu ha scritto che il cervo era considerato un animale-antenato, dio o dea in tempi molto antichi.3

I cervi erano associati alla fertilità e ai poteri soprannaturali nelle antiche comunità che vivevano nelle steppe eurasiatiche. Pertanto, in alcune comunità, la caccia al cervo era soggetta a determinati rituali. In linea con le credenze tengriste, animiste e sciamaniche, gli spiriti della natura dovevano essere rispettati.

Le figurine di cervo trovate nelle antiche tombe turche mostrano che i cervi sono necessari dopo la morte.4

Hunor e Magor

Il cervo, uno degli animali più agili della foresta, simboleggia la natura e la guida nei miti ungheresi.

Secondo la leggenda, due fratelli, Hunor e Magor, che vivevano a est degli Urali, raggiunsero il territorio dell’attuale Ungheria seguendo un cervo sacro. Hunor è considerato l’antenato degli Unni e Magor degli Ungheresi.5

Cervo nella mitologia finlandese

Nella mitologia finlandese, i cervi erano spesso associati alle foreste e alla natura. Pertanto, sono anche associati a Tapio, un tipo di dio della foresta o spirito della foresta.

In alcune storie finlandesi, i cervi sono raffigurati come animali saggi e nobili. Si credeva che le corna del cervo avessero potere curativo. Queste corna erano usate dagli sciamani finlandesi per evocare lo spirito del cervo e chiedere aiuto allo spirito.

Il simbolismo del cervo nell’abbigliamento sciamanico è esso stesso un argomento di ricerca.6

Totem del cervo e animale spirituale nello sciamanesimo

Simbolismo del cervo in altre culture

Il simbolismo del cervo, spesso associato alla natura e alle forze soprannaturali, è prominente nella letteratura, nelle opere d’arte e nelle leggende di molte civiltà.

Nella mitologia slava, i cervi sono spesso visti come simboli di grazia, velocità e agilità. Sono anche associati alle foreste e al mondo naturale e sono considerati i protettori degli animali selvatici. Veles, dio della terra, delle foreste e degli inferi, e Leshy, un tipo di spirito della foresta, sono spesso raffigurati con corna di cervo.

Nella cultura dei nativi americani, i cervi sono spesso associati alla grazia, alla bellezza e alla gentilezza e sono visti come un simbolo di pace, amore e armonia. Molte tribù hanno le loro storie uniche e credenze diverse sui cervi, ma il simbolismo dei cervi in generale è una parte importante della cultura dei nativi americani. Alcuni nativi americani ritraggono i cervi come potenti esseri spirituali che possono aiutare le persone a connettersi con il mondo degli spiriti.

Nella mitologia giapponese e nello shintoismo, i cervi sono spesso associati a divinità e spiriti. La dea del sole Amaterasu è talvolta mostrata con un cervo accanto o dietro di lei nell’arte giapponese. In una leggenda, il sacro emissario di Amaterasu è un cervo di nome Ame-no-Kaku.7

  1. “Prose Edda”, Snorri Sturluson^
  2. “Grímnismál”, Poetic Edda, Snorri Sturluson^
  3. “Türk Mitolojisinin Ana Hatları”, Yaşar ÇORUHLU, Ötüken Neşriyat, ISBN: 9786051559926^
  4. “Türk Mitolojisinden Anadolu’ya Taşınan Kültür: Geyik Motifi” Mehmet MANDALOĞLU, Uluslararası Sosyal Araştırmalar Dergisi, 6.27 (2013): 382-391^
  5. “Caucasian Aspects of the Hungarian Nimrod Tradition”, Borbála Anna OBRUSÁNSZKI, 2020^
  6. Study of the Deer Symbolism in the Shaman’s Clothing and Attributes“, Altantsetseg PUREVDORJ & Uranmandakh MARGAI, 2018^
  7. Ame-no-Kaku - Amaterasu’s Divine Deer Emissary“, Kikuko HIRAFUJI, Kokugakuin University, February 4, 2020^
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments