Significati Simbolici Del Verde Con Esempi Tratti Dalla Mitologia

Significati Simbolici Del Verde Con Esempi Tratti Dalla Mitologia

Ci sono molti personaggi mitologici e folcloristici raffigurati in verde in tutto il mondo e nelle mitologie europee, come l’uomo verde, le fate verdi, ecc. Alcuni di loro sono descritti come benevoli e utili, mentre altri sono descritti come maligni e ingannevoli. Ma statisticamente, il colore verde è spesso associato a qualità positive e natura nella mitologia.

Il Verde Nelle Mitologie Europee

Secondo fonti antiche, non esiste una divinità associata al colore verde nella mitologia norrena. Tuttavia, Freyr è talvolta raffigurato come verde. Va anche notato che l’albero del mondo, Yggdrasil, è spesso raffigurato come un tasso che rimane verde tutto l’anno.

Nella mitologia greca, Demetra, figlia di Rea e Crono, era associata al colore verde. Non dovrebbe sorprendere che una dea agricola fosse associata al colore verde.

Nella mitologia finlandese, Tapio è una specie di dio della foresta o spirito della foresta. Oggi gli illustratori lo raffigurano spesso in verde o con foglie verdi. Sotto questo aspetto assomiglia all’uomo verde del folklore britannico ed europeo.

Verde Nella Mitologia Egizia

Gli alberi che perdono le foglie ogni autunno tornano verdi in primavera. Pertanto, la rinascita è spesso associata al colore verde, per analogia con questo rinverdimento. Come nell’Antico Egitto…

Nell’antico Egitto, la rinascita era spesso associata al colore verde. Ecco perché Osiride, l’antico dio egizio dei morti, dell’agricoltura e della rinascita, è spesso raffigurato con la pelle verde.

Verde Nella Mitologia Slava

Una delle prime cose che viene in mente quando si parla di verde nel folklore siberiano è la settimana verde. Ma prima di parlare di settimana verde, è necessario conoscere Rusalka.

Rusalka è una specie di entità soprannaturale femminile nel folklore slavo. Gli antichi slavi generalmente credevano che vivesse nei laghi. Di solito è raffigurata con i capelli verdi o la pelle verde. Tuttavia, ci sono differenze regionali nelle rappresentazioni. È raffigurata come una fata affascinante in alcune regioni e come una donna brutta in altre.

Rusalka è spesso descritta come un essere che affascina gli uomini con la sua bellezza. Gli uomini che la seguono nelle profondità dei laghi muoiono annegati.

La settimana verde, nota anche come settimana Rusalka, è una festa pagana celebrata dagli slavi all’inizio di giugno. Per non deviare dall’argomento principale, non parliamo dei dettagli del festival. Per favore, clicca qui per maggiori informazioni sulla settimana verde…

Secondo gli antichi slavi, Rusalka è molto più pericolosa durante la settimana verde. Ecco perché non dovresti nuotare nei laghi all’inizio di giugno.

Verde Nella Mitologia Turca

Nella mitologia turca, il verde e il blu simboleggiavano l’oriente e il cielo. Il colore verde è spesso associato alla natura. Prima di entrare nei dettagli, abbiamo bisogno di un aiuto dall’etimo.

La vecchia parola turca per verde è “yaşıl”. “Yaşıl” deriva da “yaş-” che significa umidità. Inoltre, la parola “yış-yiş” significa “foresta”. Ecco un esempio dalle iscrizioni dell’Orkhon:

𐰃𐰠: 𐱃𐰆𐱃𐰽𐰴: 𐰘𐰃𐰼: 𐰇𐱅𐰰𐰤: 𐰘𐰃𐱁: 𐰼𐰢𐱁
Traslitterazione: İl: tutsk: yir: Ötüken: YIŞ: ermş.
Significato: il posto migliore in cui vivere è la foresta di Ötüken. / La foresta di Ötüken è il posto migliore per essere adottati come paese.

Yaşıl o Yaşılhan è anche il nome del figlio di Ülgen, il dio della gentilezza, della misericordia e del tempo. Yaşılhan è responsabile dell’inverdimento degli alberi e della protezione della natura.

Secondo i miti turchi, dopo che Ülgen creò l’uomo, mandò un corvo a Kuday per chiedere un’anima. Quando il corvo stava tornando dopo aver preso l’anima, vide una carogna per terra. Quando il corvo aprì la bocca per mangiare la carogna, l’anima nel suo becco cadde in una foresta con alberi di pino. Ecco perché oggi i pini non perdono le foglie. Alberi come pini e ginepri non hanno bisogno di Yaşılhan in primavera. Perché, grazie all’anima che il corvo lascia cadere nella foresta, conserva la sua vegetazione durante tutto l’anno.


La conoscenza si moltiplica quando condivisa: