Undici Creature Più Spaventose nei Miti Turchi e Altaici

Undici Creature Più Spaventose nei Miti Turchi e Altaici

Undici Creature Più Spaventose nei Miti Turchi e Altaici

Le entità mitologiche e i personaggi delle fiabe sono importanti in quanto portano tracce del subconscio sociale della cultura a cui appartengono. Le società che vivono in condizioni socioculturali simili spesso credevano in entità spaventose simili. Per questo motivo, entità simili sono apparse in letteratura con nomi diversi in molte comunità le cui radici si estendono alle steppe eurasiatiche. Come risultato dell’interazione culturale, questi si sono evoluti nei popolari personaggi horror di oggi come vampiri e licantropi.

Aldacı Han e il Giorno degli Spiriti

Aldacı Han (Antico turco: 𐰀𐰡𐰀𐰲𐰃 𐰴𐰣) è il nome di un’entità mitologica nei miti turco e altai. Si ritiene che sia stato inviato dal dio degli inferi, Erlik Han. Sebbene in alcuni testi venga suggerito che sia una specie di dio della morte, questo non è vero.

In breve, Aldacı Han è l’entità che corrisponde all’angelo della morte nella mitologia turca. Come ci si può aspettare, è incaricato di raccogliere le anime di coloro la cui morte è giunta.

Nella cultura popolare, gli angeli della morte sono spesso raffigurati come uno scheletro vestito con una falce in mano. Tuttavia, Aldacı Han è raffigurato come un uomo forte e ben fatto, vestito di nero, che cavalca un cavallo nero.

In passato, per 40 giorni, le cose non potevano essere portate fuori dalla casa in cui era entrato Aldacı Han.1 Perché si credeva che gli spiriti maligni sotto il comando di Aldacı Han vagassero per la casa per 40 giorni. Al termine di questo periodo, Üzüt Bayram, noto anche come il giorno degli spiriti, veniva celebrato dai parenti del defunto.

Voce correlata: Il Giorno degli Spiriti e la Morte nella Mitologia Turca

In alcune regioni, la casa era incensata con rami di ginepro per scacciare gli spiriti sotto il comando di Aldacı Han.2 Ancora oggi il ginepro è usato in molte comunità per la pulizia spirituale.

Alkarısı: Mangia i Fegati dei Bambini

Alkarısı (𐰀𐰞𐰴𐰺𐰃𐰽𐰃), noto anche come Albis (𐰀𐰞𐰋𐰃𐰾), è il nome di una donna malvagia simile a una strega vestita di rosso nella mitologia turca. Di solito è raffigurata come brutta, come altre creature mitologiche malvagie, ma a volte si dice che sia oscena e seducente, come una succube.

Alkarısı perseguita sempre donne incinte, puerpere o bambini.

Voce correlata: Alkarısı: Una Strega nella Mitologia Turca

La principale fonte proteica di Alkarısı è il fegato. È il più grande piacere per lei mangiare i fegati dei neonati. Ma a volte può anche prendere il fegato della donna che partorisce.

Demirkıynak

Demirkıynak o Temirkıynak (𐱅𐰢𐰃𐰼𐰴𐰃𐰖𐰣𐰴) è il nome di una leggendaria donna malvagia. È conosciuta come Demirtırnak in Anatolia e Jeztırnak in Kazakistan e Kirghizistan. Si crede che abbia paura dell’acqua. Si dice che sia figlia o sorella di un gigante leggendario di nome Tepegöz. È raffigurata come una creatura demoniaca che vive nella foresta. Le sue unghie sono di ferro.

Il suo nome è spesso menzionato nelle leggende di Çanakkale e Balıkesir in Anatolia. Si consiglia di correre alla fonte d’acqua più vicina come un lago, un fiume o un mare, quando si vede Demirkıynak.

Secondo il filologo azerbaigiano Beydili, Demirkıynak è di origine sciamanica ed è imparentato con le figlie di Erlik, il dio del sottosuolo.3

Erbörü e il Popolo İtbarak

Erbörü (𐰀𐰼𐰋𐰇𐰼𐰇) è l’equivalente turco del lupo mannaro. Deriva dalla parola “er” che significa uomo e “börü” che significa lupo in lingua turca antica.

Un’altra creatura simile ai licantropi chiamata Erbörü è la gente di İtbarak. Secondo le leggende, İtbarak (𐰃𐱅𐰉𐰺𐰴) è il nome di un popolo dalla testa di cane che vive nelle terre oscure dell’Asia nord-occidentale. Oltre questa regione c’è il regno di strane creature non umane.4

Arçura: Uno Spirito della Foresta

Arçura (𐰀𐰺𐰲𐰆𐰺𐰀) is a forest spirit in Turkic mythology. It is also known as Arçuri, Arçuray and Arsuri.

Arçura è solitamente raffigurata come una figura antropomorfa il cui corpo è ricoperto da lunghi capelli. Sotto questo aspetto, è simile ai Karakoncolos nel folklore anatolico e greco. Fatta eccezione per essere ricoperta di peli lunghi, le sue caratteristiche fisiche variano da regione a regione. Si dice che sia alto come gli alberi in alcune regioni e corto come l’erba in altre. Le sue braccia e i suoi capelli sono lunghi fino alle ginocchia.

Arçura di solito vive nelle foreste e nelle valli. Può uccidere le persone a cui vuole fare del male solleticandole. Come molte creature malvagie, ha paura dell’acqua.5

Sebbene Arçura sia spesso definito malvagio, ha anche qualità positive in termini di protezione della fauna selvatica e delle foreste.

Abra e Yutpa

Abra (𐰀𐰉𐰺𐰀) e Yutpa (𐰖𐰆𐱃𐰯𐰀) sono due grandi mostri sotterranei della mitologia turca e dello sciamanesimo altaico. Sono raffigurati come serpenti, draghi e coccodrilli.6

Abra e Yutpa sono conosciuti come mostri avidi che divorano tutto ciò che vedono. Non importa cosa mangiano, non sono soddisfatti. Entrambi vivono nel mare sotterraneo chiamato Pay Tengis, vicino al fiume chiamato Toybadım. Essi custodiscono il palazzo nero di ferro di Erlik Han.7

Pay Tengis (𐰯𐰖 𐱅𐰭𐰃𐰾) è il nome di un grande mare sotterraneo nella mitologia turca.

Toybadım (𐱃𐰆𐰖𐰉𐰑𐰃𐰢) è il nome di un fiume sotterraneo nella mitologia turca. È fatto delle lacrime delle persone.

Alcuni sciamani Altai hanno accessori che simboleggiano Abra e Yutpa nei loro vestiti.

Il filologo Celal Beydili ha affermato che Yutpa è anche conosciuto come Ker Yutpa e Ker Balık. Secondo i miti, tutti gli esseri viventi inghiottiti da Yutpa continuano la loro esistenza nel regno oscuro all’interno di Yutpa.8

Azmıç: Lo Spirito che Svia le Persone

Azmıç (𐰀𐰔𐰢𐰃𐰲) è uno spirito malvagio che fuorvia le persone. Non ci sono informazioni esatte sul suo aspetto. Di solito prende la forma di qualcuno familiare. Si sconsiglia di viaggiare da soli per non farsi ingannare dai trucchi di Azmıç.

La variante di Azmıç in Kirghizistan e Uzbekistan è Azıtkı. Azıtkı (𐰀𐰔𐰃𐱃𐰴𐰃) assume la forma di qualcuno di familiare e porta le persone su una montagna, un fiume o una scogliera e le uccide.

Hortlak: I Morti Viventi

Nella cultura popolare turca, le creature simili a zombi che si crede escano dalle loro tombe e spaventano le persone sono chiamate hortlak. In Azerbaigian sono meglio conosciuti con il nome di hortdan.

Un hortlak (𐰴𐰆𐰺𐱃𐰞𐰴) è una persona che emerge dalla tomba, di solito poco dopo la sepoltura, prima che il cadavere si sia ancora trasformato in uno scheletro. Si dice che coloro che fanno il male in questo mondo e non meritano di andare in paradiso possono trasformarsi in un hortlak dopo la sepoltura.

Un hortlak può camminare, correre e cavalcare proprio come una persona normale. In questo senso, differiscono dagli zombi. In alcune regioni si crede che bevano sangue come i vampiri.

La credenza Hortlak è diffusa nelle regioni dell’Anatolia orientale e del Mar Nero. A Giresun, sono frequenti le voci secondo cui un soldato che si è schierato con i russi durante la guerra si trasformi in un hortlak dopo la sua morte.

Opkan: Provoca Epidemie Psicologiche

Opkan (𐰆𐰯𐰴𐰣) è una variante o simile dell’Ubır menzionato di seguito. Viene come un vento e corrompe le menti delle persone.9

Gli antichi turchi credevano che Opkan avrebbe causato malattie psicologiche ed epidemiche. Alcuni erano soliti sacrificare le pecore per proteggersi da Opkan.

Ubır: Ha Sempre Fame

Ubır (𐰆𐰉𐰃𐰺), noto anche come Obur e Vupar, è simile ai vampiri nella cultura popolare. Si credeva che una strega o un peccatore morto si sarebbe trasformato in un ubır nella tomba. Pertanto, se si scopre che un defunto si è trasformato in un ubır, il modo migliore per neutralizzarlo è aprire la sua tomba e piantare chiodi nella sua bara.1

La caratteristica più importante di un ubır è la sua fame infinita. Un ubır ha sempre fame e cerca sempre qualcosa da mangiare. Si dice che inspiri le nuvole nell’atmosfera per dissetarsi e provochi siccità. Questo è il motivo per cui qualcuno che non riesce a ingrassare nonostante mangi molto viene paragonato a un ubır.

Molte creature simili a ubır si trovano nelle leggende delle società nelle steppe eurasiatiche e nell’Europa orientale.

Ubır è talvolta raffigurato come una creatura volante e dalla coda lunga, e talvolta come un vampiro mangiatore di uomini e bevitore di sangue.10 11

Ubır è meglio conosciuto come Obur dentro e intorno a Rize ed è simile a hortlak. Si dice che fosse disgustato dalle cipolle e scomparve quando sorse il sole.12

Yelbegen: Un Gigante Mangiatore di Uomini

Yelbegen (𐰘𐰠𐰋𐰏𐰤) è un gigante a più teste nella mitologia turca. È anche conosciuto come Yilbigen e Çelbegen.

Yelbegen è una delle più antiche creature demoniache del folklore turco. Può mangiare qualsiasi cosa gli capita, compresi la Luna e il Sole. Si credeva che Yelbegen mangiasse la Luna durante un’eclissi lunare e mangiasse il Sole durante un’eclissi solare.

Secondo alcune antiche fiabe turche, Yelbegen di solito mangia serpenti e rane, ma ama anche la carne umana.



  1. Türk Söylence Sözlüğü“, Deniz KARAKURT^^
  2. “Eski Türk Dini Tarihi”, Abdülkadir İNAN, ISBN: 9786056600975^
  3. “Türk Mifoloji Sözlüyü”, Celal BEYDİLİ, Azerbaycan Milli Elmler Akademiyası, 5806615537^
  4. “Türk Mitolojisi, Cilt II”, Bahaeddin ÖGEL, ISBN: 9789751628497^
  5. “Arçura/Şüräle: Mythical Spirits Of The Volga-Ural Forests”, Rustem SULTEE, Acta Orientalia Academiae Scientiarum Hung. Vol 71, 2018^
  6. “Türk Mitolojisi, Cilt 1”, Bahaeddin ÖGEL, Türk Tarih Kurumu, ISBN 9789751601155^
  7. “Материалы по Шаманству у Алтайцев”, А.В. АНОХИН, Рипол Классик, ISBN: 9785458246163^
  8. “Türk Mifoloji Sözlüyü”, Celal BEYDİLİ, Azerbaycan Milli Elmler Akademiyası, 5806615537^
  9. “Türk Söylence Sözlüğü”, Deniz KARAKURT^
  10. “Türk Kültüründe Hortlak-Cadı İnanışları”, Mehmet Berk YALTIRIK, Tarih Okulu Dergisi, Aralık 2013^
  11. “Anadolu, Tatar (Kazan) ve Başkurt Türklerinin Masallarında İnsan Yeme (Yamyamlık) Motifi”, Gülhan ATNUR^
  12. “Eski Türk İnançlarının Rize ve Yöresi Halk Kültüründe İzleri”, Yaşar KALAFAT, Rize Sempozyumu, 2006^