Scoperta in Danimarca una sala vichinga che si pensa abbia 1000 anni

Scoperta in Danimarca una sala vichinga che si pensa abbia 1000 anni

Jon Olav Eikenes ©CC BY 2.0 | Immagine rappresentativa

Gli archeologi del Nordjyske Museer hanno trovato una grande sala vichinga a Hune, nel nord della Danimarca. Si pensa che i resti abbiano circa 1000 anni.

Durante gli scavi a Hune, a circa 300 chilometri a nord-ovest della capitale Copenaghen, sono stati recentemente rinvenuti i resti di un edificio che si pensava fosse una sala vichinga.

Sulla base delle caratteristiche architettoniche dei resti, si pensa risalga al periodo di Harald Blåtand. Quindi questo significa che la sala ha circa 1000 anni.

Chi è Harald Blåtand?
Harald Blåtand è il re di Danimarca, che regnò dal 958 al 985/987. Era il figlio di Gorm e Thyra, ma la sua data di nascita è sconosciuta. Harald Blåtand è anche conosciuto come il re che introdusse il cristianesimo in Danimarca. La tecnologia Bluetooth odierna prende il nome dal soprannome di Harald Blåtand, “dente blu”.

Funzionari del Nordjyske Museer hanno annunciato che la sala è larga circa 10 metri e lunga 40 metri.

La sala vichinga dissotterrata.
Nordjyske Museer

L’archeologo Thomas Rune Knudsen ha affermato che la struttura è la più grande del suo genere scoperta negli ultimi 10 anni e che nessuna struttura simile è stata trovata prima nello Jutland settentrionale.

Thomas Rune Knudsen ha anche affermato che potrebbero esserci altre strutture intorno alla sala e che gli scavi continueranno nel 2023.

Sebbene si pensi che la sala abbia circa 1000 anni in base alle sue caratteristiche stilistiche, gli archeologi cercheranno di trovare l’età esatta della struttura mediante la datazione al radiocarbonio. Informazioni dettagliate sull’età e sulle caratteristiche architettoniche dell’edificio dovrebbero essere condivise con il pubblico in futuro.

Sulla base delle dimensioni della sala, gli archeologi ritengono che non appartenesse a una casa normale. La sala era probabilmente utilizzata per le riunioni dell’élite politica. È in questa sala che potrebbe essere stato plasmato il futuro dello Jutland settentrionale, afferma Thomas Rune Knudsen.

La pietra di Hune è una delle uniche due pietre runiche mai scoperte a Vendsyssel. È datato tra il 970 e il 1020. Sulla pietra è scritto che tre fratelli di nome Hove, Thorkil e Thorbjørn eressero la pietra per il loro padre, Runulv den Rådsnilde.
Nordjyske Museer

Alcuni archeologi pensano che la sala possa essere appartenuta alla famiglia di Runulv den Rådsnilde, sulla base di una pietra runica trovata vicino a Hune. Tuttavia, si afferma anche che i dati attuali sono insufficienti per dimostrarlo.



Aroldo I di Danimarca (Wikipedia)

Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments