Origini della comunicazione scritta e tipi di sistemi di scrittura

Origini della comunicazione scritta e tipi di sistemi di scrittura

Le informazioni riguardanti le origini della comunicazione scritta sono generalmente derivate dai dati delle discipline dell’epigrafia e della paleografia. In particolare, l’epigrafia si concentra sull’esame delle iscrizioni, simboli incisi su pietre e scritture incise su superfici. Gli esperti di paleografia, d’altra parte, studiano l’evoluzione degli alfabeti e dei sistemi di scrittura antichi. Accademici e ricercatori utilizzano questi studi per portare le storie delle culture passate fino ai giorni nostri.

Origini della comunicazione scritta

Le origini della comunicazione scritta affondano nelle aspirazioni dell’umanità di esprimere pensieri attraverso simboli, segni e specifici elementi visivi. Questa impresa ha vissuto uno sviluppo significativo durante i tempi preistorici, specialmente con l’emergere dei petroglifi.

Le petroglifici hanno facilitato il trasferimento di informazioni, l’espressione culturale e forse la trasmissione di concetti astratti tra le comunità. Ciò può essere considerato parte del processo evolutivo del linguaggio. Tuttavia, i petroglifici non possono essere classificati come un linguaggio perché mancano delle caratteristiche fondamentali del linguaggio, che coinvolgono una struttura simbolica accompagnata da espressione vocale o verbale. Il linguaggio si basa sull’arrangiamento significativo di suoni e simboli pronunciati o scritti all’interno di un gruppo specifico. I petroglifici, d’altra parte, si orientano più verso la narrazione visiva o il simbolismo.

Origini della comunicazione scritta (Petroglifo)
Petroglifi creati dai nativi americani nell’America precolombiana. (Columbia River Gorge)

La storia del linguaggio scritto è stata plasmata dall’inizio dell’espressione del pensiero attraverso simboli, lettere e numeri. Questa evoluzione è spesso attribuita all’invenzione della scrittura cuneiforme da parte degli Sumeri in Mesopotamia intorno al IV millennio a.C. La scrittura cuneiforme, sviluppata dagli Sumeri, divenne uno strumento per conservare e facilitare la comunicazione nel commercio, nella legge e in altre attività sociali, gettando le basi per il linguaggio scritto. Poco dopo, emersero gli ideogrammi egiziani, influenzando molti alfabeti.

Cuneiforme

La scrittura cuneiforme è uno script adottato principalmente dalle antiche civiltà mesopotamiche. Rappresenta una delle forme di scrittura più antiche con radici riconducibili alle prime fasi dell’Età del Bronzo nel sud della Mesopotamia.

Utilizzata da civiltà come Sumeri, Accadi, Elamiti, Assiri, Babilonesi, Ittiti e molte altre, la scrittura cuneiforme coinvolgeva la creazione di impressioni a forma di cuneo su argilla morbida utilizzando un canneto ottuso. Inizialmente, queste impressioni rappresentavano simboli pittorici che raffiguravano oggetti o concetti. Tuttavia, nel tempo, la scrittura cuneiforme si evolse in un sistema più intricato e flessibile, incorporando elementi fonetici e segni sillabici.

Col tempo, la scrittura cuneiforme fu adattata per scrivere diverse lingue, con ciascuna lingua che sviluppava il proprio insieme di segni e regole. Registrazioni amministrative, documenti legali, opere letterarie e testi religiosi dell’epoca furono trasmessi alle generazioni future attraverso la scrittura cuneiforme.

Entro il I secolo d.C., la scrittura cuneiforme cedette il passo a sistemi di scrittura alfabetica come l’aramaico e il greco, svanendo gradualmente nell’oscurità. Tuttavia, grazie agli studiosi del XIX secolo che decifrarono antiche iscrizioni, sono stati ottenuti preziosi approfondimenti sulla storia, la cultura e la letteratura dell’antico Vicino Oriente.

Geroglifici

Origini della comunicazione scritta (geroglifici)
Geroglifici egiziani.

Gli ideogrammi sono uno dei sistemi di scrittura antichi utilizzati nell’antichità. Il mistero della scrittura ideografica fu decifrato nel 1822 dal filologo francese Jean-François Champollion attraverso lo studio della pietra di Rosetta.

Mentre molte civiltà, come i Luviani e gli Urartei, avevano i loro propri alfabeti ideografici, gli ideogrammi più conosciuti e antichi appartengono all’Egitto. Gli ideogrammi egiziani sono stati utilizzati per circa 3600 anni, da circa il 3200 a.C. fino al IV secolo d.C. Inoltre, hanno influenzato altri antichi sistemi di scrittura come l’alfabeto fenicio.

Gli ideogrammi egiziani consistono in varie immagini semplici che rappresentano suoni o significati. Queste immagini possono raffigurare qualsiasi animale, pianta, essere umano, oggetto o simbolo. Ogni immagine è utilizzata per trasmettere la rappresentazione visiva di qualcosa o di un’azione, determinando il suono o la sillaba di una parola pronunciata.

La scrittura ideografica può essere organizzata dall’alto verso il basso o da destra a sinistra. La direzione della scrittura si comprende in base all’orientamento delle immagini. Poiché scrivere e leggere gli ideogrammi richiedeva abilità artistiche e un’educazione approfondita, era tipicamente svolto da individui privilegiati come faraoni, nobili e sacerdoti.

Geoglifo

Origini della comunicazione scritta (geoglifo)
Uno dei geoglifi di Nazca.

Il termine “geoglifo” viene utilizzato per descrivere grandi motivi creati dall’uomo sulla Terra. Lo scopo alla base della loro creazione rimane ancora un mistero. Alcuni ricercatori suggeriscono che i geoglifi potrebbero essere stati utilizzati per scopi come calendari celesti, rituali, arte o comunicazione.

Gli esempi più significativi di geoglifi sono stati trovati nel deserto di Nazca in Perù. Questi geoglifi sono creati rimuovendo le rocce di colore scuro sulla superficie del deserto per rivelare il terreno di colore più chiaro sottostante.

Le Linee di Nazca includono vari motivi e figure antropomorfe come forme geometriche, animali e piante. Si ritiene che le Linee di Nazca potrebbero aver servito come strumento per gestire le attività agricole nella cultura Nazca.

Petroglifi

Origini della comunicazione scritta (Petroglifo)
Petroglifi nel Parco Nazionale di Mesa Verde. (Colorado, Stati Uniti)

Il termine “petroglifo” è comunemente utilizzato per riferirsi a disegni e simboli antichi creati incidendo o intagliando su superfici rocciose. Spesso associati alle popolazioni preistoriche, i petroglifi sono considerati una forma d’arte rupestre che porta tracce di ere antiche e culture indigene.

Questa forma d’arte rupestre può essere vista come un mezzo per le persone di esprimere le loro relazioni con la natura, l’universo e il metafisico attraverso disegni simbolici o a motivi. I petroglifi presentano varie rappresentazioni, tra cui suppliche alle divinità, rituali, scene di vita quotidiana, caccia e guerra, e riflessioni sulle caratteristiche culturali. Inoltre, simboli sciamanici, esseri cosmologici e animali mitologici sono tra le figure più comunemente riscontrate.

I petroglifi, quando valutati nei contesti cronologici e culturali, assistono gli archeologi e gli antropologi nella comprensione e interpretazione dei periodi preistorici.

Tuttavia, l’interpretazione dei petroglifi può essere sfidante a volte. Ciò è dovuto al fatto che i significati dei simboli spesso non sono completamente compresi senza una lingua conosciuta. Questa mancanza di una lingua nota può portare a varie interpretazioni tra diverse culture. Pertanto, gli archeologi, gli antropologi e altri esperti spesso adottano un’ampia prospettiva interdisciplinare per comprendere i petroglifi.

Scrittura runica

Origins of Written Communication (Runescript)
Un’iscrizione incisa con scritte runiche.

Il sistema di scrittura runico è stato storicamente utilizzato tra i popoli germanici, particolarmente prominente nelle culture dell’Antico Norreno e dell’Antico Inglese. L’alfabeto runico si basa su simboli semplici, spesso composti da linee verticali.

L’alfabeto runico è anche conosciuto come “Futhark” nel Nord Europa. Il nome di questo alfabeto deriva dalla combinazione delle prime sei lettere (f, u, þ, a, r, k) dell’alfabeto. L’alfabeto iniziale di Futhark aveva originariamente 24 caratteri, ma in seguito è stato ridotto a 16.

Il sistema di scrittura runico è stato utilizzato in un ampio arco temporale, dal II secolo d.C. al XVII secolo. Fino ad oggi, sono state scoperte più di 5.000 iscrizioni runiche in tutta Europa. Una significativa maggioranza di queste iscrizioni si trova in paesi come Svezia, Norvegia e Danimarca.

L’alfabeto runico è stato anche utilizzato da Turchi e Ungheresi. Alcuni caratteri dell’alfabeto Orkhon, che è l’alfabeto indigeno dei popoli turcici, presentano somiglianze con quelli dell’alfabeto Futhark. Tuttavia, essi possiedono caratteristiche fonetiche diverse.

Rune turche
“İlteriş Bilge (İltrs Bilge)” nell’alfabeto Orkhon.
(Fondatore del Secondo Impero Turco.)

Altri simboli semantici

I simboli semantici sono indicatori linguistici utilizzati per la trasmissione e la comprensione del significato. Questi indicatori fungono da sistema formale che facilita l’interazione sia tra individui che attraverso diverse culture.

Fonogramma

I fonogrammi sono simboli che rappresentano suoni specifici. Questi simboli sono caratteri che descrivono la struttura sonora di una lingua. Le lettere in un alfabeto sono un tipico esempio di fonogrammi. Ogni lettera corrisponde a un suono specifico o a una combinazione di suoni. Ad esempio, le lettere dell’alfabeto latino (A, B, C, ecc.) rappresentano suoni specifici e combinando queste lettere, si formano le parole.

Ideogramma

Gli ideogrammi sono simboli utilizzati per rappresentare un pensiero o un concetto. Tipicamente, esprimono un’idea direttamente anziché i suoni fonetici delle parole in una lingua. Numeri e simboli matematici sono tra gli ideogrammi più conosciuti. Ad esempio, simboli come &, ÷, % portano lo stesso significato attraverso molte lingue.

Logogramma

Un logogramma è un singolo simbolo che rappresenta una parola o un concetto specifico. Questi simboli trasmettono tipicamente una parola direttamente anziché i suoni di una lingua. Esempi includono i caratteri cinesi e i caratteri kanji giapponesi. I logogrammi aiutano a esprimere parole in sistemi di scrittura complessi in una forma più breve e concisa.

Pictogramma

I pictogrammi sono immagini e simboli semplici che spesso simboleggiano un oggetto, un’azione o un concetto specifico. Vengono utilizzati per facilitare la comunicazione e trasmettere rapidamente significati a un vasto pubblico. Pertanto, svolgono un ruolo significativo nella comunicazione interculturale.

I pictogrammi sono generalmente progettati in modo che tutti possano capire. Ad esempio, una semplice silhouette raffigurante un estintore può essere un pictogramma. Questo simbolo trasmette rapidamente un significato senza la necessità di competenze linguistiche o conoscenze grammaticali. Esempi di pictogrammi includono segnali direzionali negli aeroporti, segnali di uscita di emergenza nelle camere d’albergo e simboli nelle mappe (come il simbolo di una forchetta e un coltello per i ristoranti o il simbolo di una birra per i bar).

  • JAGERSMA, Bram. A descriptive grammar of Sumerian. 2010. PhD Thesis. Leiden University.
  • Wikipedia contributors. (2024, January 14). Cuneiform. In Wikipedia, The Free Encyclopedia. Retrieved 17:29, January 18, 2024.
  • Parkinson, R. B., Diffie, W., Fischer, M., & Simpson, R. S. (1999). Cracking codes: the Rosetta Stone and decipherment. Univ of California Press.
  • Richter, C., Teichert, B., & Pavelka, K. (2021). Astronomical Investigation to Verify the Calendar Theory of the Nasca Lines. Applied sciences, 11(4), 1637.
  • İlteriş Bilge. Türk Bitig. Göktürkçe çeviri yazıcı (To convert Latin letters to Old Turkish letters).
  • Wikipedia contributors. Phonogram (linguistics), Logogram, Ideogram, Pictogram. In Wikipedia, The Free Encyclopedia. Retrieved 17:44, January 18, 2024.
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments