Raro ritrovamento a Mörigen, in Svizzera: gli archeologi scoprono una punta di freccia dell’età del bronzo fatta di ferro meteoritico

Raro ritrovamento a Mörigen, in Svizzera: gli archeologi scoprono una punta di freccia dell’età del bronzo fatta di ferro meteoritico

Punta di freccia di Mörigen
Punta di freccia di Mörigen
Foto: Thomas Schüpbach (Journal of Archaeological Science)

A Mörigen, in Svizzera, gli archeologi hanno fatto scoperte significative che fanno luce sull’utilizzo del ferro meteoritico nell’Europa preistorica. I risultati sono stati recentemente pubblicati sul Journal of Archaeological Science.1

La ricerca, condotta in Svizzera, ha portato alla luce prove convincenti di manufatti di ferro meteoritico risalenti all’età del bronzo, illuminando così il primo impegno umano con materiali extraterrestri.

Lo studio presenta una narrazione avvincente dell’antico artigianato e del commercio, insieme alle formidabili sfide affrontate dai ricercatori nell’identificazione e nella comprensione dei meteoriti sepolti dall’antichità.

Ferro meteoritico: una risorsa preziosa in epoca preistorica

Nell’antichità, prima dell’emergere dell’età del ferro, le società antiche che abbracciavano l’Eurasia e l’Africa settentrionale possedevano l’accesso al ferro metallico sotto forma di raro ferro meteoritico. L’utilizzo di tali materiali celesti era evidente in varie regioni, tra cui Turchia, Grecia, Medio Oriente, Russia e Cina, con ampie prove del suo utilizzo. Tuttavia, nell’Europa centrale e occidentale, la scoperta di manufatti di ferro meteoritico è rimasta scarsa, con solo due siti noti in Polonia che mostrano tali reperti.

La scarsità di manufatti di ferro meteoritico nelle regioni europee ha spinto a indagare sulla conoscenza e la disponibilità di questi materiali celesti durante l’età del bronzo. Tuttavia, le recenti scoperte di un nuovo studio stanno rimodellando la comprensione degli studiosi, poiché rivelano che i meteoriti di ferro erano effettivamente impiegati e scambiati nell’Europa centrale già nell’800 a.C., e potenzialmente anche prima.

Mörigen
Luogo di Mörigen
Foto: Tschubby (Wikimedia) ©️CC BY-SA 3.0

Questa rivoluzionaria ricerca è incentrata su una punta di freccia rinvenuta in un sito della tarda età del bronzo a Mörigen, in Svizzera, situato lungo le rive del lago di Bienne. La punta della freccia, realizzata in ferro meteoritico, presenta una distinta forma piatta, deformata artificialmente, indicativa di una lavorazione a freddo oa caldo durante la sua produzione.

Un’analisi completa conferma l’origine meteoritica della punta della freccia, associandola al complesso meteoritico di ferro IAB. La presenza di ferro metallico povero e ricco di nichel suggerisce una struttura a strati caratteristica dei meteoriti ottaedrici, a sostegno della sua provenienza celeste.

L’uso da parte dei ricercatori di metodi non distruttivi, tra cui l’emissione di raggi X indotta da muoni, la spettrometria gamma e la fluorescenza a raggi X, ha fornito dati vitali sulle dimensioni del meteorite, sul contenuto di nichel e sugli elementi caratteristici, aiutando nella verifica della sua origine celeste.

Al di là delle caratteristiche intrinseche della punta di freccia, lo studio ha rivelato dettagli affascinanti sul suo passato. Tracce di ossidazione ed elementi come arsenico e rame hanno suggerito una possibile contaminazione da lavorazione del minerale/bronzo o polvere durante lo stoccaggio. Inoltre, il materiale organico trovato sulla punta della freccia probabilmente rappresentava resti di catrame di legno usato per attaccarlo a una freccia, fornendo uno sguardo alle antiche tecniche artigianali.

Origine del meteorite

Uno degli aspetti più intriganti dello studio è stato determinare la possibile fonte del meteorite che ha dato vita alla punta di freccia di Mörigen. Attraverso un meticoloso processo di eliminazione, i ricercatori hanno identificato tre potenziali candidati dal complesso di meteoriti di ferro IAB:

  1. Bohumilitz in Cechia
  2. Retuerte de Bullaque in Spagna
  3. Kaalijarv in Estonia

Tra i tre, Kaalijarv è emerso come la fonte più probabile, data la sua età dell’impatto dell’età del bronzo e la sua posizione all’interno di un’area abitata. I ricercatori ritengono che questo meteorite possa aver colpito l’Estonia intorno al 1500 a.C., portando potenzialmente a scambiare frammenti di esso insieme all’ambra della regione baltica.

Ferro meteoritico nelle società antiche

Nel corso della storia documentata, le società antiche hanno mostrato un profondo fascino per i fenomeni celesti, attribuendo un significato mistico e simbolico al cosmo. Tra i materiali celesti che catturarono la loro immaginazione, il ferro meteoritico si ergeva come una risorsa rara ed enigmatica, ritenuta di possedere origini ultraterrene. Il ruolo del ferro meteoritico nelle società antiche era multiforme, comprendendo vari aspetti di significato culturale, tecnologico e spirituale.

Apprezzato principalmente per la sua eccezionale rarità e l’origine divina percepita, il ferro meteoritico occupava una posizione unica e stimata nelle società antiche. A differenza del ferro terrestre, che si otteneva attraverso processi minerari e metallurgici, il ferro meteoritico è arrivato sulla Terra attraverso l’impatto di meteoriti, corpi celesti che solcavano il cielo. La natura stessa dell’arrivo di questo materiale dal cielo ha generato un senso di stupore e meraviglia, ispirando miti e leggende che spesso associavano i meteoriti agli atti di divinità celesti o messaggeri dall’aldilà.

Nell’ambito dell’antica lavorazione dei metalli, il ferro meteoritico rappresentava una sfida e un’opportunità. La creazione di oggetti in ferro meteoritico richiedeva conoscenze e abilità specializzate a causa della sua composizione unica e delle diverse proprietà strutturali. Gli antichi artigiani dovevano adattare le loro tecniche per accogliere questo materiale insolito, impiegando metodi distintivi per fondere e forgiare il ferro meteoritico in strumenti, armi o manufatti ornamentali. Di conseguenza, questi oggetti in ferro meteoritico sono diventati simboli molto apprezzati di artigianato e ingegno, riflettendo l’abilità artistica delle culture che li hanno modellati.

Al di là dei suoi ruoli utilitaristici e artistici, il ferro meteoritico aveva anche un significato religioso e spirituale. Gli antichi sistemi di credenze spesso incorporavano corpi celesti e fenomeni naturali nelle loro cosmologie, attribuendo proprietà mistiche e connessioni divine ai meteoriti e al loro contenuto di ferro. L’origine celeste del ferro meteoritico lo legava ai cieli e alle forze cosmiche percepite come governanti l’esistenza umana. Di conseguenza, gli oggetti di ferro meteoritico venivano spesso impiegati nei rituali religiosi, sepolti accanto a persone stimate in pratiche funerarie o usati come offerte per placare le divinità.

L’approvvigionamento e la distribuzione del ferro meteoritico ha innescato il commercio e le interazioni culturali tra le antiche civiltà. Ottenere questa rara risorsa richiedeva collegamenti con regioni lontane, favorendo lo scambio non solo di merci fisiche ma anche di idee, credenze e innovazioni tecnologiche. Il commercio del ferro meteoritico ha probabilmente contribuito alla creazione di reti che hanno facilitato la diffusione culturale, influenzando l’arte, la metallurgia e le pratiche spirituali in diverse comunità.

Tuttavia, nonostante il suo notevole significato, la scarsità di manufatti di ferro meteoritico all’interno della documentazione archeologica ha rappresentato una sfida per comprendere appieno il suo impatto sulle società antiche. Come ha dimostrato la scoperta della punta di freccia di Mörigen, potrebbero esserci altri artefatti nascosti in attesa di essere portati alla luce, offrendo ulteriori approfondimenti sull’uso diffuso e sul significato culturale del ferro meteoritico. Indagini archeologiche approfondite e ricerche interdisciplinari sono essenziali per svelare ulteriormente le complessità che circondano il ruolo del ferro meteoritico nel plasmare il paesaggio culturale, tecnologico e spirituale delle antiche civiltà.

  1. An arrowhead made of meteoritic … Mörigen, Switzerland and its possible source“, Beda A. Hofmann et al. Journal of Archaeological Science, Volume 157, September 2023^
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments