Otto Creature Mitiche e Divinità Della Primavera

Otto Creature Mitiche e Divinità Della Primavera

La primavera è associata alla fertilità e all’abbondanza in molte comunità ed è simboleggiata dal colore verde o turchese. Pertanto, i primi esseri che vengono in mente quando viene menzionata la primavera sono per lo più dei o dee della fertilità. Quindi, ecco otto esseri mitologici provenienti da tutto il mondo che sono associati alla primavera:

Persefone

Nella mitologia greca, è la figlia di Zeus, il dio del cielo e del tuono, e Demetra, la dea dell’agricoltura e del raccolto. Il suo vero nome è Kore, prese il nome di Persefone dopo essere stata rapita sottoterra da Ade, fratello di Zeus.

Quando Zeus non reagì a questo rapimento, Demetra lasciò il suo ruolo di dea e decise di vivere come una mortale. Dopo che il suolo perse tutta la sua fertilità, Zeus chiese a suo fratello Ade di liberare sua figlia. Quando Zeus non reagì a questo rapimento, Demetra lasciò il suo ruolo di dea e decise di vivere come una mortale. Dopo che il suolo perse tutta la sua fertilità, Zeus chiese a suo fratello Ade di liberare sua figlia. Ade liberò la dea, ma le nutrì i melograni prima che lasciasse gli inferi. Perché, secondo la leggenda, chi mangia qualcosa dal sottosuolo deve tornarci un giorno. Per questo Persefone viene sulla terra ogni anno con la primavera e ritorna nel sottosuolo con l’inizio dell’inverno. Il giorno in cui viene sulla terra, la natura inizia a verdeggiare e gli alberi iniziano a fiorire.

Persefone che va sottoterra ogni inverno e torna sulla terra ogni primavera simboleggia anche la resurrezione. Pertanto, i rilievi che simboleggiano Persefone possono essere visti su molti sarcofagi del periodo dell’antica Grecia.


Ostara

Ostara, nota anche come Ēostre, è il nome di una dea associata alla primavera nella mitologia germanica occidentale. Alcuni ricercatori sono scettici sull’esistenza di Ostara. Perché molto di ciò che si sa di Ostara oggi si basa esclusivamente sugli scritti del monaco inglese Beda Venerabilis, morto nel 735.

Ostara è anche il nome di una festa celebrata dai gruppi neopagani nell’equinozio di primavera. Fertilità, rinascita, abbondanza ed equilibrio sono le parole chiave più comuni per descrivere Ostara. Durante la festa di Ostara, le persone di solito pregano la dea Ostara, consumano uova e verdure primaverili e decorano le loro case con piante verdi e fiori che simboleggiano la primavera.


Brigid

Brigid, conosciuta anche come Bríg nella mitologia irlandese, è una dea dei Tuatha Dé Danann. È spesso associata alla guarigione, alla primavera, alla saggezza, alla natura e alla poesia. Nelle fonti della prima età è scritto che è la figlia di Dagda, una delle divinità più importanti della mitologia irlandese e similmente associata alla saggezza, all’agricoltura e alla fertilità.

Imbolc, una delle tradizionali feste pagane, si tiene solitamente in onore della dea Brigid.1 Il festival, che si tiene il 1 febbraio (1 agosto nell’emisfero australe), segna l’imminente primavera.


Flora

Nei miti romani, è una dea associata ai fiori, ai cereali e alla primavera. Ecco perché di solito è raffigurata con fiori colorati in testa. La parola flora, che oggi viene usata per significare “specie vegetale in una regione”, deriva dal nome di questa dea.

La dea Flora è stata oggetto di pittura e scultura nel corso della storia. Nell’antica Roma fu costruito un tempio dedicato a Flora e dal 28 aprile al 3 maggio si tenevano feste primaverili in suo onore.


Yaşıl Han

Nella mitologia turca, è il nome di un’entità mitologica associata alla primavera e al colore verde. È uno dei figli di Ülgen, il dio della misericordia e della bontà. Il suo compito più importante è rendere nuovamente verdi in primavera gli alberi che perdono le foglie in autunno. Pertanto, in sintesi, è responsabile dell’inverdimento delle piante.2

Nelle comunità turche, il colore verde e la natura sono sempre stati associati alla vita.


Khidr

È un saggio che ha bevuto alla fontana della giovinezza, il cui nome significa verde. Khidr è una figura sincretica ed è conosciuto principalmente in Asia centrale, Vicino Oriente, Anatolia e Balcani. Di solito è raffigurato in verde, a volte con dei pesci. Può camminare sull’acqua e può assumere vari travestimenti. “Aiuto, o Khidr” è una frase che si dice abbastanza spesso perché aiuta le persone bisognose.

Si ritiene che il 6 maggio, noto anche come Hıdırellez, Khidr e il profeta Elia si siano incontrati sulla terra. Quel giorno, le persone esprimono i desideri di Khidr. Disegnano quello che vogliono, come una casa o un’auto, su un pezzo di carta e lo appendono agli alberi in modo che Khidr possa vedere. A volte lasciano queste carte in un mare o in un fiume e sperano che raggiungano Khidr. Questi desideri a volte non vengono disegnati su carta, ma direttamente modellati con materiali facilmente modellabili, come cartone o legno.


Jarilo

Nella mitologia slava, è una specie di dio dell’abbondanza e della natura, noto anche come Jarylo. A Jarilo sono dedicate alcune delle feste primaverili che si tengono nelle comunità slave.

Jarilo è spesso raffigurato con grano e fiori. L’arrivo della primavera dipende dal ritorno di Jarilo dagli inferi. A questo proposito, ricorda Persefone nella mitologia greca.


Kostroma

È la figlia di Simargl, il dio del fuoco nella mitologia slava, e Kupalnitsa, la dea della notte. Il suo nome si trova principalmente nei miti slavi orientali. Di solito è raffigurata come una bella donna vestita di bianco e con i rami degli alberi in mano.3

Kostroma è associato alla primavera e alla fertilità. Tuttavia, un giorno ha sposato accidentalmente suo fratello Kupalo, e poi entrambi si sono suicidati. Gli altri dei, rattristati dal suicidio, li trasformarono in fiori.



  1. “Celtic Culture: A Historical Encyclopedia”, John T. KOCH, ABC-Clio, ISBN: ‎9781851094400^
  2. Türk Söylence Sözlüğü“, Deniz KARAKURT^
  3. “Illustrated Encyclopedia Of Ancient Slavic Gods And Spirits”, Olga & Elena KRYUCHKOVA, Babelcube Inc. ISBN: 9781386400011^
La conoscenza si moltiplica quando condivisa: