I Riti del Giuramento di Sangue degli Sciti e degli Unni

I Riti del Giuramento di Sangue degli Sciti e degli Unni

I Riti del Giuramento di Sangue degli Sciti e degli Unni

Il giuramento di sangue (patto di sangue) è un rituale, solitamente tra due uomini, che fornisce un simbolico senso di attaccamento e di eterna amicizia. I rituali del giuramento di sangue, comuni tra i popoli nomadi nei tempi antichi, furono praticati nel tempo anche nelle società stanziali. Coloro che praticano il rituale del giuramento di sangue sono chiamati fratelli di sangue e sono alleati fino alla morte di fronte al nemico.

Giuramento di Sangue negli Sciti

Gli Sciti erano un popolo nomade che abitava le steppe del Ponto e l’Asia centro-occidentale intorno al VII secolo a.C. Sebbene non si sappia esattamente dove vivevano prima, si pensa che provenissero da est o sud-est.

Gli Sciti commerciarono con le città-stato greche nel sud e nell’ovest per secoli. In genere esportavano prodotti animali come pellicce, in cambio ricevevano vino e prodotti agricoli.

Il rapporto commerciale tra gli Sciti e gli antichi greci fece sì che entrambe le società fossero influenzate l’una dall’altra. Per questo motivo, i primi a parlare della struttura sociale degli Sciti sono per lo più storici dell’antica Grecia.

Le prime informazioni dettagliate sui rituali del giuramento di sangue degli Sciti furono scritte dallo storico cariano Erodoto, vissuto nel V secolo a.C.

Secondo Erodoto, gli Sciti versano il proprio sangue in un vaso di terracotta durante la cerimonia del giuramento di sangue. Per questo, usano un piccolo oggetto perforante o una spada. Poi mescolano questo sangue con il vino e lo bevono. A volte offrono anche questa bevanda a persone importanti che sono lì. Le persone che bevono o si leccano il sangue a vicenda sono considerate fratelli di sangue da quel momento in poi. Un’amicizia che durerà fino alla morte per loro.

Max Ebert, un professore di preistoria, ha scritto che le corna vengono talvolta usate al posto dei vasi di terracotta per bere durante i rituali del giuramento di sangue.1

Secondo İlhami Durmuş, professore di storia, i rituali negli Sciti sono gli stessi delle cerimonie di giuramento di sangue negli antichi turchi.2

Giuramento di Sangue negli Unni e nel Popolo Xiongnu

Nikita Jakovlevič Bičurin, un sinologo russo, ha affermato che cerimonie simili al rituale del giuramento di sangue degli Sciti erano praticate anche tra il popolo Xiongnu.

Nel I secolo aC, un cavallo bianco fu sacrificato nella cerimonia che si svolse sulla cima di una montagna tra Ho-han-ye, il capo del popolo Xiongnu, e gli ambasciatori cinesi. Allora Ho-han-ye intinse la sua spada nel vino misto a sangue e bevve questo vino con una coppa a forma di teschio.

Organizzare la cerimonia su una montagna sembra essere legato al culto della montagna. Le montagne erano considerate sacre in molte comunità, poiché si pensava che fossero vicine a Dio. Inoltre, il sacrificio di un cavallo bianco è una tradizione comune tra le tribù nomadi. Perché il cavallo è uno degli animali sacri dei nomadi. E il colore bianco è un simbolo di innocenza e purezza, come si potrebbe intuire.

È anche affermato da J.J.M. De Groot, storico e sinologo, che durante le cerimonie di giuramento tra il popolo Xiongnu e i cinesi venivano sacrificati cavalli bianchi e bevute bevande sanguinolente.3

Si pensa che le tradizioni del giuramento di sangue si siano diffuse in Europa attraverso la migrazione delle tribù e simili rituali di giuramento fossero praticati tra gli Unni.

In questo contesto si può citare come esempio la cerimonia del giuramento di sangue tra i capi delle sette tribù ungheresi.

L’affresco, completato alla fine del XIX secolo dal pittore ungherese Bertalan Székely, parla del giuramento di sangue tra sette leader ungheresi.

Questa cerimonia è quasi la stessa delle cerimonie di giuramento sia degli Sciti che degli Unni.

Giuramento di Sangue e Fratellanza di Sangue in Altre Società

Le tradizioni del giuramento di sangue ereditate dagli Sciti e dagli Unni furono continuate in modo simile da altre comunità della regione. L’archeologo britannico Ellis Minns ha affermato che questi rituali erano comuni tra ungheresi e cumani.4

Con l’apparizione dei Göktürk, la spada e il coltello divennero più importanti nelle cerimonie di giuramento. Questo sembra essere correlato alla sacralità del ferro nei turchi, conosciuti come comunità di fabbri.

Abdülkadir İnan, storico e folclorista, scrisse che le cerimonie di giuramento erano praticate anche tra gli uiguri e che gli uiguri bevevano vino da giuramento.5

Basandosi sulla saga di Gísla, si può affermare che i giuramenti di sangue venivano praticati anche nelle comunità scandinave.

Nel poema Lokasenna, che si pensa sia stato scritto nel X o XI secolo, è scritto che Odino e Loki sono fratelli di sangue.

Sangue e Vino

La tradizione di bere il sangue, comune nelle cerimonie di giuramento durante l’antichità, è stata sostituita dalla tradizione di bere vino in molte comunità in periodi successivi.

Il vino è una metafora comune sia nell’arte che nella letteratura. Nell’arte, il sangue simboleggia l’amore, la ricchezza e la gioia, e nello spiritualismo è associato alla trasformazione.



  1. “Südrußland: Skytho-Sarmatische Periode”, Max EBERT, deGruyter, ISBN: 9783111915067^
  2. “İskitler”, İlhami DURMUŞ, Akçağ Yayınları, ISBN: 9786055413958^
  3. “Die Hunnen Der Vorchristlichen Zeit”, Jan Jakob Maria De Groot, deGruyter, 1921^
  4. “Scythians And Greeks”, Ellis Hovell MINNS, Cambridge University Press, ISBN: 9780511791772^
  5. Eski Türklerde ve Folklorda ‘Ant’“, Abdülkadir İNAN, Ankara Üniversitesi, Dil ve Tarih-Coğrafya Fakültesi Dergisi, Cilt 4, Sayı 8^