Vittime della caccia alle streghe nel 21° secolo

Vittime della caccia alle streghe nel 21° secolo

L’indagine, l’interrogatorio e la punizione di persone sospettate di essere streghe è definita caccia alle streghe. Secondo le stime, tra le 40.000 e le 60.000 persone in tutta Europa sono state uccise con l’accusa di stregoneria.1 La caccia alle streghe, che si diffuse in tutto il mondo come un’epidemia nella prima età moderna, si concluse per lo più dopo il XVIII secolo. Ma, anche nel 21° secolo, è stato riferito che molte persone sono state giustiziate in diverse parti del mondo perché erano streghe o stregoni.

Jongolo Sola, 2001

Tanzania – Nel 2001, 32 persone sono morte in un incidente a Mbeya, nel sud di Tanzaya. Dopo il tragico incidente, una donna di 63 anni di nome Sola Jongolo è stata vista sul posto mentre raccoglieva cervelli con un sacchetto di plastica in mano. Quindi, la vecchia fu sospettata di essere una strega.

Sola Jongolo è stata linciata e picchiata a morte poco dopo l’incidente.

Diego Hernandez Lopez, 2002

Messico – Nel 2002, le voci secondo cui Diego Hernandez Lopez, che viveva nello stato sud-orientale del Chiapas, praticava la stregoneria, echeggiarono per le strade del villaggio di San Juan Chamula. Non indifferenti alle voci, una notte alcuni aggressori hanno fatto irruzione nella casa di Diego Hernandez Lopez. Durante l’attacco, hanno ucciso Diego e tre persone con lui, che credevano essere una strega e affermavano di usare la magia, e ne hanno ferite altre cinque.

Molte persone sono state uccise anche in Chiapas negli anni ’90, per aver praticato la magia.

Soeur Irina, 2005

Romania – Nel 2005, la giovane suora di 23 anni Soeur Irina, ritenuta posseduta dal diavolo, è stata sottoposta a un esorcismo. Quando Irina, che ha chiesto al monaco di aiutarla, ha cominciato a insultarlo, è stata imbavagliata e crocifissa. Pochi giorni dopo essere stata rinchiusa in una piccola stanza, è stata trovata morta.

Dopo l’incidente, il monaco e quattro suore sono stati indagati. Si è appreso che Irina era stata curata per la schizofrenia poco tempo prima. La Chiesa ortodossa romena ha dichiarato di condannare il rito dell’esorcismo. Il monaco fu bandito dalla professione.

Fawza Falih, 2010

Arabia Saudita – Nel 2006 è stata condannata a morte per stregoneria e crudeltà verso gli animali, e si è deciso di decapitarla. Sebbene molte organizzazioni internazionali abbiano reagito alla decisione, la corte d’appello ha confermato la decisione.

Fawza Falih, che attendeva l’esecuzione in una cella di prigione da quasi quattro anni, è morta soffocata nel 2010 mentre mangiava. Più precisamente, questa è stata la dichiarazione delle autorità saudite.

Ama Hemmah, 2010

Ghana – Il 20 novembre 2010, quando il pastore Samuel Fletcher Sagoe è andato a trovare sua sorella, ha visto una donna anziana seduta nella camera da letto. Quella donna era Ama Hemmah, 72 anni.

Presumibilmente, Ama Hemmah era una strega conosciuta nella zona. Dopo essere stata costretta a confessare, le è stato versato del cherosene e dato alle fiamme. Tuttavia, Hemmah è stata portata in ospedale da uno studente di infermieristica ma non è stato possibile salvarla. I sospettati hanno negato il crimine e hanno affermato che stavano cercando di esorcizzare i demoni all’interno della nonna.

Amina bint Abdulhalim Nassar, 2011

Arabia Saudita – Amina bint Abdulhalim Nassar, arrestata con l’accusa di stregoneria e stregoneria, è stata giustiziata alla fine del 2011 con l’approvazione dell’Alta Corte. È stato affermato che durante le perquisizioni effettuate a casa di Amina, è stato trovato molto materiale relativo alla stregoneria.

Le autorità hanno affermato che Amina si è descritta come una guaritrice. Dopo l’incidente, alcune organizzazioni internazionali hanno annunciato di aver condannato l’esecuzione.

Muree bin Ali, 2012

Arabia Saudita – A Najran, nel sud dell’Arabia Saudita, un uomo di nome Muree bin Ali è stato arrestato per possesso di libri di incantesimi e talismani. I tribunali sauditi hanno ordinato l’esecuzione di Muree bin Ali.

Dopo l’approvazione dell’alta corte, Muree bin Ali è stato pubblicamente giustiziato a metà del 2012.

Kepari Leniata, 2013

Papua Nuova Guinea – Nel 2013 Kepari Leniata, appena 20enne, è stata accusata della morte di un bambino che si era ammalato. Kepari Leniata, indagata da una banda illegale, è stata accusata di essere una strega e torturata. Poco dopo, il suo corpo è stato dato alle fiamme su un cassonetto.

La polizia della Papua Nuova Guinea ha confermato che Kepari Leniata è stata torturata prima di essere uccisa e centinaia di persone, compresi bambini, hanno assistito alle atrocità.

Nel 2022 anche la figlia di sei anni di Kepari Leniata è stata torturata con l’accusa di stregoneria, ma la bambina è stata salvata.

Ahmed Kusane Hassan, 2020

Somalia – Nel 2020, un uomo di nome Ahmed Kusane Hassan è stato condannato a morte dall’organizzazione militante Al-Shabaab legata ad al-Qaeda per aver praticato la stregoneria. Presumibilmente, Ahmed Kusane Hassan aveva lanciato un incantesimo per separare una coppia sposata.

Il 24 settembre 2020, la stregoneria è stata definita dall’organizzazione un atto di apostasia e Ahmed Kusane Hassan è stato fucilato pubblicamente.

Seema Devi, 2022

India – Seema Devi, di soli 31 anni, è stata assassinata da un parente perché praticava la stregoneria. Le autorità indiane hanno stabilito che il defunto è stato picchiato a morte con una verga di ferro.

Il parente di 35 anni che ha ucciso Seema Devi è stato arrestato poco dopo l’incidente. L’imputato ha affermato che il suo parente aveva poteri soprannaturali e ha incolpato Seema Devi per la morte di suo nipote, morto due anni fa.



  1. Germany was once the witch-burning capital of the world. Here’s why” Gwynn GUILFORD, Quartz, January 24, 2018^
La conoscenza si moltiplica quando condivisa: