La cultura di Taštyk e le misteriose maschere funerarie della valle dell’Enisej

La cultura di Taštyk e le misteriose maschere funerarie della valle dell’Enisej

Maschere funerarie della cultura di Taštyk
Maschere funerarie della cultura di Taštyk, vecchie di quasi 1800 anni (Museo dell’Ermitage)
Foto: dibattista (Flickr) ©️CC BY-SA 2.0

La cultura di Taštyk era una delle culture archeologiche emerse in Siberia durante l’età del ferro. Per molti aspetti può essere considerata l’erede della cultura Tagar.

Contesto geografico

Situata nel cuore della valle dell’Enisej in Siberia, la cultura Taštyk emerse durante la tarda età del ferro, diffondendo il suo splendore storico dal I al IV secolo. Immerso nella depressione di Minusinsk, questo fenomeno culturale fiorì dal I al IV secolo, lasciando un segno indelebile nel panorama storico della regione.

Posizione della cultura di Taštyk
Posizione della cultura di Taštyk

La valle dell’Enisej offrì un terreno fertile affinché la cultura di Taštyk potesse mettere radici e prosperare. Delimitata dal maestoso fiume Enisej da un lato e fiancheggiata dai Monti Sayan dall’altro, il contesto geografico di questa regione ha svolto un ruolo fondamentale nel plasmare lo stile di vita della cultura Taštyk. Il fiume non era solo un’importante fonte d’acqua per l’agricoltura, ma anche una via commerciale naturale per la cultura di Taštyk.

La depressione di Minusinsk, con il suo terreno dolcemente ondulato e il suolo fertile, favoriva le pratiche agricole, consentendo al popolo Taštyk di dedicarsi all’agricoltura e coltivare raccolti che sostenevano la loro fiorente popolazione. Inoltre, il paesaggio circostante offriva ampi pascoli per l’allevamento del bestiame, contribuendo ulteriormente alle loro strategie di sussistenza.

Viaggio nel passato

La cultura di Taštyk, meticolosamente chiarita attraverso le indagini condotte dall’archeologo russo Sergei Teploukhov, alludeva a una narrazione ricca di sfumature dell’evoluzione culturale. Inizialmente, le influenze indoeuropee sembravano essersi intrecciate nel tessuto culturale, per poi cedere il loro dominio alla costante ondata del popolo kirghiso, una trasformazione che si svolse intorno al 3° secolo. L’abbraccio della cultura di Taštyk al popolo kirghiso presentava una complessità che lascia tracce nella narrativa culturale.

Nello splendore della regione di Enisej, la cultura di Taštyk fiorì, lasciando dietro di sé una scia di insediamenti e fortezze collinari che continuano a suscitare moderne indagini archeologiche. Le più profondamente risonanti tra le loro imprese architettoniche furono le monumentali strutture della cripta dei tumuli, che, dopo gli scavi, rivelarono un tesoro di vasi di argilla e metallo, ornamenti dal design intricato e manufatti che stimolano l’immaginazione. Approfondendo ulteriormente, l’enigma delle incisioni petrografiche si è svelato, incidendo storie nelle pietre.

Manufatti della cultura di Taštyk
Manufatti della cultura di Taštyk (Museo regionale di Krasnoyarsk)
Foto: Vyacheslav Bukharov (Wikimedia) ©️CC BY-SA 4.0

Le tombe sussurravano segreti del passato, rivelando repliche in pelle di forme umane, le teste avvolte in tessuti delicati e adornate con pigmenti vibranti. In particolare, queste figure cullavano al loro interno piccoli sacchetti di pelle, una testimonianza di simbolismo e rituale, forse rappresentando l’essenza dello stomaco e proteggendo le ceneri dei defunti. Nelle vicinanze, si annidavano miniature di spade, frecce e faretre, sottolineando una riverenza per l’aldilà e un’affinità per le repliche in scala ridotta. Questo mosaico culturale, ornato con motivi animali che riflettono lo stile scito-altaico, portava l’ulteriore influenza del lontano regno cinese, creando collegamenti tra mondi divergenti.

Nei dintorni di Minusinsk, all’interno del cimitero di Oglahty, le esplorazioni di Leonid Kyzlasov hanno portato alla luce un affascinante quadro di mummie adornate con maschere funerarie in gesso decorate. Queste maschere, che evocano le caratteristiche dell’Eurasia occidentale con un tocco di influenza dell’Asia orientale, svelano un’affascinante fusione di storie ancestrali. Quali storie raccontano queste maschere sugli individui che adornavano? Insieme, cappelli di pelliccia intatti, indumenti di seta e calzature emersero dall’abbraccio della terra, risuonando di sussurri di un’epoca passata. Oggi, questi resti abbelliscono le sacre sale del Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo, del Museo regionale di Krasnoyarsk e del Museo storico statale di Mosca, incapsulando l’eredità della cultura di Taštyk e le storie misteriose che ha lasciato dietro di sé.

Maschere funerarie della cultura di Taštyk
Maschere funerarie della cultura di Taštyk (Repubblica di Chakassia)
Foto: Joanbanjo (Wikimedia) ©️CC BY-SA 3.0

Il ruolo delle maschere funerarie nella cultura di Taštyk

Le maschere funerarie nella cultura di Taštyk hanno un significato profondo come artefatti culturali che manifestano echi duraturi dell’antichità e rituali intrisi di connotazioni mortuarie. Gli attributi e le funzioni che caratterizzano queste maschere mostrano una variegatura dinamica basata su paradigmi e prospettive teoriche divergenti.

Le maschere, tipicamente realizzate con materiali come bronzo, legno o ceramica, raffigurano in modo complesso il volto fisionomico del soggetto defunto. Si pensa che emanando da questi volti, una sinergia di devozione religiosa e spiritualità, queste maschere proteggessero il nucleo del defunto e aiutassero il loro viaggio nell’aldilà. Alcuni principi avanzano l’ipotesi che queste maschere potrebbero essere state strumentali nel presentare simbolicamente l’anima del defunto davanti alle entità divine, assicurandone così l’approvazione e l’incorporazione.

Un punto di vista alternativo postula le maschere funerarie come avanguardie simboliche dell’eredità portata dal defunto, funzionando come artefatti mnemonici che assicurano il ricordo perpetuo dell’individuo all’interno della matrice familiare. È concepibile che queste maschere funzionassero come custodi dello status sociopolitico e dell’integrità reputazionale, iscrivendo così un ruolo di notevole importanza. All’interno di questa rubrica, le maschere funzionano come canali per sostenere ricordi postumi e per generare continuità nel tessuto dei legami intergenerazionali.

Una tesi alternativa avanza l’idea che le maschere siano state realizzate con l’obiettivo esplicito di stabilire un’interfaccia con il regno dei morti. In epoche passate, una credenza prevalente presupponeva l’interazione delle anime al di là della divisione terrena. In questo contesto, è plausibile che queste maschere siano state concepite come strumenti atti a facilitare il passaggio delle anime al dominio dei morti e, inoltre, a facilitare la loro interazione con il regno dei vivi.

Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments