Straordinari ritrovamenti in Israele: teschi umani e lampade a olio nella grotta di Te’omim puntano alla negromanzia

Straordinari ritrovamenti in Israele: teschi umani e lampade a olio nella grotta di Te’omim puntano alla negromanzia

Recenti scoperte archeologiche nella grotta di Te’omim fanno luce su pratiche religiose risalenti alla fine del II secolo d.C., secondo uno studio pubblicato sulla Harvard Theological Review.1

La grotta, ritenuta dedicata a una divinità degli inferi, ha a lungo incuriosito i ricercatori per la sua profonda fossa, la sorgente che scorre e l’associazione con la fertilità e la guarigione. Manufatti rinvenuti, tra cui lampade a olio in ceramica, monete, ceramiche e oggetti antichi di vari periodi di tempo, hanno scoperto un regno di mistero che circonda lo scopo della grotta e il suo significato per gli antichi rituali.

Gli archeologi, esplorando diligentemente le intricate profondità del sito, hanno fatto una serie di scoperte accattivanti e intriganti, svelando un variegato assemblaggio di oggetti antichi accuratamente nascosti all’interno degli strati archeologici. Tra i notevoli ritrovamenti c’erano un’ascia dell’età del bronzo intermedio, due punte di lancia con zoccolo finemente lavorate, una squisita brocca della prima età del bronzo e una collezione di intriganti lampade a olio tardo romane. La presenza di questi manufatti, che abbracciano periodi di tempo diversi, evoca un profondo senso di cura intenzionale, suggerendo che siano stati deliberatamente raccolti e depositati insieme.

Di particolare interesse sono le circa 120 lampade a olio straordinariamente conservate scoperte all’interno della grotta. Queste lampade, originarie del periodo tardo romano e primo bizantino, erano volutamente nascoste in anfratti nascosti e inaccessibili. Gli archeologi ritengono che queste lampade avessero uno scopo oltre a fornire luce, suggerendo un significato più profondo e una possibile connessione con pratiche mistiche.

Teschi umani e lampade ad olio in ceramica fanno luce sui rituali magici

Una rivelazione sorprendente all’interno della Grotta di Te’omim è stata la scoperta di tre teschi umani in aree remote e difficili da raggiungere. Mentre due dei teschi sembravano essere stati spostati dai topi, il terzo è stato intenzionalmente posto sopra quattro lampade a olio in ceramica. Questa disposizione deliberata suggerisce un atto intenzionale. Questi teschi, insieme alle lampade, avevano probabilmente un ruolo in un rituale magico che ebbe luogo durante il periodo tardo romano, offrendo spunti sulle complesse credenze e tradizioni di quel tempo.

Attraverso la loro vasta ricerca, gli studiosi hanno intrapreso un viaggio per contestualizzare queste scoperte immergendosi nella letteratura antica e nei documenti relativi alle pratiche magiche. Le loro meticolose indagini hanno rivelato che questi rituali mistici erano spesso incentrati su siti specifici e sull’impiego mirato di particolari artefatti. In particolare, queste pratiche comportavano l’incorporazione di parti del corpo di esseri umani e animali per stabilire connessioni profonde, nonché la trasformazione di normali oggetti domestici in strumenti con significato magico.

Rituali magici tardo romani (Grotta di Te'omim)
Lampade a olio e un teschio umano
Foto: B. Zissu (Te’omim Cave Archaeological Project)

La presenza di oltre 100 lampade a olio in ceramica e più teschi umani all’interno della grotta di Te’omim suggerisce che la cerimonia cultuale centrale prevedeva il posizionamento di lampade a olio come offerte per rendere omaggio alle forze sotterranee. Ciò indica che venivano eseguiti rituali per risvegliare il defunto e ottenere scorci del futuro. Tuttavia, la scoperta di teschi umani svela un altro aspetto di queste cerimonie.

Sebbene la venerazione dei teschi umani fosse osservata prevalentemente nella regione britannica dell’Impero Romano, prove da varie fonti indicano il loro utilizzo in tutto l’impero, inclusa la Palestina e le aree circostanti, nei rituali necromantici e nella comunicazione con i morti. Tali cerimonie si svolgevano spesso in grotte funerarie o grotte che si credeva servissero come porte d’accesso agli inferi.

Situata tra le città di Aelia Capitolina ed Eleutheropolis, la Grotta di Te’omim si trova in un’area prevalentemente abitata da residenti non ebrei durante il periodo tardo romano. Sebbene vi siano indicazioni di una partecipazione ebraica limitata alle pratiche cultuali osservate, è probabile che la maggior parte dei partecipanti fossero abitanti non ebrei della regione. Questa ipotesi è supportata dal fatto che la grotta di Te’omim si trova vicino a una consistente popolazione non ebraica emersa dopo la rivolta di Bar Kokhba.

Teschi umani e lampade a olio nei rituali magici tardo romani

I teschi umani venivano utilizzati nei rituali magici tardo romani come potenti oggetti intrisi di potere simbolico e soprannaturale. Questi crani sono stati accuratamente selezionati e preparati, spesso rimuovendo la mascella inferiore e pulendo l’interno. Le ragioni precise di questo processo di selezione rimangono speculative, ma è evidente che l’uso di teschi umani aveva un significato profondo all’interno della cornice rituale.

La presenza di teschi umani all’interno di rituali magici può essere fatta risalire a una varietà di contesti, tra cui la negromanzia e la divinazione. Questi rituali avevano lo scopo di stabilire una comunicazione con il defunto e ottenere guida o conoscenza dal regno degli spiriti. Il teschio, che rappresenta il vascello fisico dei defunti, fungeva da canale per queste interazioni ultraterrene.

Nel regno della negromanzia, la pratica di comunicare e sfruttare i poteri dei morti, il teschio umano giocava un ruolo centrale. Si credeva che il teschio contenesse l’essenza dell’individuo, conservandone la saggezza, le esperienze e la connessione con il piano spirituale. Attraverso l’attenta selezione e preparazione di questi teschi, i praticanti hanno cercato di attingere a questa conoscenza accumulata e all’energia soprannaturale. Invocando la presenza del defunto attraverso il cranio, i praticanti credevano di poter ottenere intuizione, guida e persino manipolare le forze dell’aldilà.

La divinazione, un altro contesto in cui venivano impiegati i teschi umani, implicava la ricerca della conoscenza del futuro o di verità nascoste attraverso mezzi soprannaturali. All’interno di questi rituali, il teschio fungeva da punto focale per l’indovino, consentendo loro di entrare in uno stato di coscienza elevato e stabilire una connessione con il regno degli spiriti. Si credeva che il teschio possedesse la capacità di rivelare segreti e comunicare messaggi dall’aldilà. Gli indovini interpretavano spesso segni e presagi, come crepe sul cranio, come messaggi delle entità spirituali con cui cercavano di comunicare.

A parte l’uso di teschi umani, le lampade a olio erano strumenti essenziali nei rituali magici tardo romani, fornendo sia illuminazione che significato simbolico. Queste lampade erano tipicamente realizzate in argilla o bronzo ed erano spesso adornate con intricati disegni e iscrizioni. L’uso delle lampade a olio all’interno dei riti magici era strettamente legato al concetto di luce come forza trasformatrice e alla sua associazione con l’illuminazione spirituale.

La fiamma della lampada a olio fungeva da rappresentazione metaforica dell’illuminazione divina o soprannaturale, simboleggiando l’illuminazione della conoscenza nascosta, il risveglio spirituale e la presenza di poteri superiori. Si credeva che l’atto di accendere la lampada e invocare le forze della luce dissipasse l’oscurità, l’ignoranza e le influenze malevole. In questo modo la lampada a olio diventava un condotto per l’energia spirituale, fungendo da faro per attirare gli spiriti benevoli e per proteggere dalle forze malefiche.

Inoltre, i motivi decorativi e le iscrizioni che adornavano le lucerne avevano spesso un significato simbolico. Questi disegni potrebbero incorporare simboli religiosi, figure mitologiche o sigilli magici, ciascuno intriso dei propri significati esoterici. Incorporando questi simboli nelle lampade ad olio, i praticanti hanno cercato di migliorare la loro efficacia e stabilire una connessione più profonda con le forze spirituali che cercavano di invocare.

  1. Oil Lamps, Spearheads and Skulls: Possible Evidence of … in the Te’omim Cave, Judean Hills“, Eitan KLEIN & Boaz ZISSU, Harvard Theological Review, Cambridge University Press, July 4, 2023, 116(3), 399-421[]
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments