Scrittura runica di 1900 anni trovata su un coltello danese

Scrittura runica di 1900 anni trovata su un coltello danese

In scavi condotti sull’isola di Funen, archeologi hanno scoperto un coltello risalente a circa 1900 anni. Le lettere runiche trovate sul coltello hanno suscitato grande interesse tra i ricercatori.1

La scoperta è stata fatta da Jakob Bonde, un esperto di archeologia preistorica che lavora presso il Museo di Odense, in una necropoli nei pressi della città di Odense. Jakob Bonde ha spiegato che la scrittura sul coltello non è stata notata inizialmente, ma è diventata evidente dopo che il coltello è stato pulito.

Lisbeth M. Imer, esperta di epigrafia presso il Museo Nazionale della Danimarca, ha affermato che la scrittura runica sul coltello corrisponde alla parola antica scandinava “hirila”, che significa “piccola spada”.

Gli esperti che lavorano meticolosamente sul coltello, lungo circa 8 centimetri, hanno determinato che è stato realizzato intorno all’anno 150 d.C. Ciò rende la scrittura runica sul coltello il più antico esempio scoperto nel territorio danese fino a oggi.

L’artefatto trovato ha grande importanza per i ricercatori nei campi dell’archeologia, paleografia, epigrafia e storia. La scrittura sul coltello ha il potenziale per fornire importanti indizi sul contesto socio-culturale di quel periodo e sull’evoluzione della scrittura runica.

Tuttavia, gli archeologi si trovano di fronte a domande senza risposta. Il termine “hirila” rappresenta il nome del coltello o è il nome del proprietario del coltello? Se è il nome del coltello, chi potrebbe essere il proprietario di questo notevole manufatto? La complessità di queste domande sfida i ricercatori e, per ora, possono solo fare affidamento su congetture. Tuttavia, c’è un particolare enfasi da parte dei ricercatori sulla possibilità che il coltello possa aver appartenuto a una persona di alto status. Jakob Bonde sottolinea l’influenza notevole di Roma tra gli individui di alto rango in Danimarca durante quell’epoca.

Secondo un post condiviso sulla pagina Facebook ufficiale del Museo di Odense, il coltello sarà esposto presso il museo di storia culturale Møntergaarden di Odense a partire dal 2 febbraio.

Foto: Jakob Bonde (Museum Odense)

Danimarca durante l’Età del Ferro (500 a.C. – 800 d.C.)2

Durante l’Età del Ferro in Danimarca, la società era prevalentemente impegnata nell’agricoltura e nell’allevamento. I villaggi presero importanza, l’uso del territorio aumentò e la struttura generale della società cambiò. La lavorazione dei metalli e la produzione di ferro avanzarono significativamente in questo periodo, contribuendo alla prosperità economica insieme all’agricoltura e all’allevamento.

Poiché la Danimarca si trovava al di fuori della sfera di influenza dell’Impero Romano, non sperimentò direttamente la cultura romana. Tuttavia, l’espansione e l’influenza di Roma si fecero sentire in tutta Europa durante questo periodo. La rete commerciale stabilita da Roma raggiunse le regioni settentrionali della Danimarca, portando all’ingresso di alcuni beni romani nella zona.

Sebbene l’influenza politica e culturale di Roma non abbia lasciato un segno pronunciato sulle tradizioni locali della Danimarca in questo periodo, si ritiene che alcuni scambi culturali siano avvenuti attraverso il commercio.

Verso la fine dell’Età del Ferro, la regione passò all’Età dei Vichinghi. A partire dall’VIII secolo, i Vichinghi, con le loro abilità marittime, iniziarono a esercitare influenza su una vasta geografia. Durante questo periodo, l’evoluzione storica e culturale della Danimarca guadagnò slancio attraverso le attività commerciali, belliche e di insediamento dei Vichinghi.

  1. (2024, January 22). Museum Odense. Facebook. Retrieved January 24, 2024^
  2. The Early Iron Age. The Late Iron Age. Natmus.dk. Retrieved January 24, 2024^
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments