Nuovi geoglifi scoperti in Perù raffiguranti figure feline e antropomorfe

Nuovi geoglifi scoperti in Perù raffiguranti figure feline e antropomorfe

Gli archeologi hanno recentemente portato alla luce nuovi geoglifi nella provincia di Nasca, nel sud del Perù, con raffigurazioni di figure feline e antropomorfe.

La scoperta è stata condotta da un gruppo di ricerca dell’Università Nazionale San Luis Gonzaga (Universidad Nacional San Luis Gonzaga). Guidato dal professor Bendezú de la Cruz, il team è composto da un archeologo e 20 studenti.

Il gruppo di ricerca che ha condotto indagini utilizzando droni nei distretti di El Ingenio e Changuillo nella provincia di Nasca ha utilizzato un software specializzato per analizzare le immagini, rivelando un totale di 29 nuovi geoglifi. I ricercatori hanno sottolineato il potenziale significato di questa scoperta per l’archeologia peruviana.

Nuovi geoglifi scoperti in Perù raffiguranti figure feline e antropomorfe
Foto: Genry Bautista

Venti dei geoglifi sono stati scoperti a El Ingenio, mentre nove sono stati trovati a Changuillo. Questi geoglifi, raffiguranti figure feline e antropomorfe, rivelano anche il diverso simbolismo presente nella regione.

 El IngenioChanguillo
Geoglifi felini108
Geoglifi antropomorfi101
I dati numerici relativi ai geoglifi rinvenuti a El Ingenio e Changuillo.

Il professor Bendezú de la Cruz ha affermato che il geoglifo più grande tra questi misura circa 42 metri (137 piedi) di lunghezza e raffigura una figura felina. Inoltre, notò che il gatto aveva un significato significativo per le antiche comunità di quell’epoca, suggerendo che avrebbe potuto essere venerato come una divinità o avere avuto un’importanza simbolica speciale in quel periodo.

I geoglifi, che si stima siano stati creati tra il 300 a.C. e il 100 d.C., sono associati alla cultura del tardo Paracas e all’inizio della cultura Nasca.

Nuovi geoglifi scoperti in Perù raffiguranti figure feline e antropomorfe
Foto: Genry Bautista

Culture Paracas e Nasca

Le culture Paracas e Nasca rappresentano due civiltà distinte ma interconnesse che prosperarono nell’antico Perù, situato lungo le pendici delle Ande. Queste culture hanno un significato fondamentale nella comprensione della ricca e intricata storia della regione. La cultura Paracas esisteva tra l’800 a.C. e il 200 a.C., mentre la cultura Nasca prosperò dal 100 a.C. al 700 d.C.

La cultura di Paracas era situata nella regione meridionale dell’attuale Perù, che comprendeva la penisola di Paracas e la regione di Ica. Questa cultura è particolarmente rinomata per la sua arte tessile. La ricchezza dei colori impiegati nei tessuti, nei disegni intricati e nei motivi geometrici mostrava la maestria dell’arte tessile all’interno della cultura Paracas. Inoltre, il simbolismo felino era un tema ricorrente nell’arte di Paracas.

La cultura Paracas si è evoluta gradualmente nella cultura Nasca nel tempo. Con il declino della cultura Paracas, la cultura Nasca cominciò ad ascendere. Questo periodo di transizione ha portato cambiamenti sociali, economici e culturali nella regione. Pur conservando tracce della cultura Paracas, anche la cultura Nasca ha sviluppato caratteristiche e caratteristiche uniche.

La cultura Nasca è rinomata per la sua arte ceramica e i colossali geoglifi. La formazione e lo scopo di queste linee non sono stati completamente decifrati, ma generalmente si ritiene che siano associati a rituali religiosi o astronomici.

La società Nasca è rinomata anche per i suoi sistemi di irrigazione sotterranea. Queste complesse reti di canali, sviluppate per reindirizzare l’acqua del fiume verso i campi agricoli, consentirono al popolo Nazca di praticare l’agricoltura in condizioni desertiche.

Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments