L’Origine dell’Arte e i Primi Esempi di Arte Paleolitica

L’Origine dell’Arte e i Primi Esempi di Arte Paleolitica

L’arte è la “firma della civiltà”, ha affermato il critico e drammaturgo irlandese Bernard Shaw. Quindi, il talento artistico può davvero essere considerato una delle qualità fondamentali che distinguono l’uomo moderno dalle altre specie? Per rispondere a questa domanda, è necessario prima toccare ciò che dovremmo intendere dal concetto di art.

Cos’è l’Arte? Arte e Immaginazione

Una delle questioni più dibattute nella filosofia dell’arte, forse, è cosa sia l’arte. Fin dall’antica Grecia, l’arte è stata definita e interpretata in modi diversi da molti pensatori. Per alcuni l’arte è solo un’imitazione della realtà, mentre per altri è più reale della realtà.

Secondo la Britannica Encyclopedia, l’arte è una modalità di espressione che utilizza talento o immaginazione.1 In questa definizione è necessario sottolineare l'”immaginazione”.

L’immaginazione è un processo mentale che si trova in tutte le specie umane arcaiche a livello primitivo. Il suo ruolo chiave nella comunicazione umana coincide con la fine del Paleolitico medio e l’inizio del Paleolitico superiore. Questo processo, iniziato circa 70.000 anni fa, è chiamato Rivoluzione Cognitiva. Gli scienziati non sono ancora sicuri di cosa abbia causato la rivoluzione cognitiva.2

I Primi Passi della Rivoluzione Cognitiva

Si può dire che il primo passo sulla strada della Rivoluzione Cognitiva è stato compiuto con lo sviluppo del sonno REM nei mammiferi, cioè con l’evoluzione dei sogni. Questo sviluppo, avvenuto circa 140 milioni di anni fa, corrisponde a 137,7 milioni di anni prima dell’emergere dell’uomo.3

Sebbene importanti sviluppi evolutivi come il completamento amodale e l’intuizione spontanea siano stati osservati nei mammiferi in questo processo, l’abilità di analisi prefrontale si è sviluppata solo negli ominidi verso la fine del Pliocene.4

Pliocene: epoca geologica iniziata 5,33 milioni di anni fa e terminata 2,58 milioni di anni fa.

In questa fase, l’introduzione di materiali lapidei funzionali nella vita quotidiana ha acquisito slancio. Gli esseri umani che hanno sviluppato la loro destrezza hanno dato le prime indicazioni che avrebbero usato il loro cervello per dominare altre specie.

Corteccia prefrontale: è il nome della regione del cervello che copre la parte anteriore del lobo frontale. Si trova appena dietro la fronte. Ha un ruolo importante nelle funzioni cerebrali come il processo decisionale, la pianificazione, il confronto e il pensiero astratto. Le prime aree della corteccia prefrontale granulare sono apparse nei primi primati o appena prima dei primati.5 This region is most developed in humans compared to the total brain volume.

L’importanza della capacità di pensare in modo astratto e simbolico è innegabile sulla via dell’arte. Wassily Kandinsky, della scuola dell’espressionismo astratto, ha affermato che la creatività si sviluppa attraverso l’intelligenza astratta. In questo contesto, si può affermare che il percorso verso l’arte passa attraverso la capacità di pensare in modo astratto e simbolico. Il pensiero simbolico ha aperto la strada alla creatività e la creatività ha aperto la strada all’arte.

Si pensa che il pensiero simbolico sia avvenuto circa 130.000 anni fa.6

Primi Esempi di Arte Paleolitica

Il periodo che inizia con la comparsa dei primi strumenti in pietra 3,3 milioni di anni7 fa e termina con la fine dell’ultima era glaciale 11.700 anni8 fa è chiamato Paleolitico.

Durante l’esame dell’arte del Paleolitico, vengono utilizzati rami della scienza come l’archeologia, la paleoantropologia, la paleopsicologia e la filosofia dell’arte. Tuttavia, poiché l’arte non è un concetto oggettivo, non esiste una chiara “opera prima” nell’arte paleolitica.

Un’altra difficoltà è che non sappiamo cosa stessero pensando i creatori dei disegni paleolitici. Questi disegni sono stati davvero creati per uno scopo artistico? Le opinioni su questo argomento possono essere raggruppate fondamentalmente in tre titoli:

1. I disegni sono stati creati in modo ordinario. Pertanto, non si qualifica come opera d’arte.

2. I disegni non avrebbero potuto essere realizzati in modo ordinario viste le difficili condizioni dell’epoca. Pertanto, possono avere la qualità di opere d’arte.

3. Anche se i disegni hanno subito un difficile processo lavorativo, possono essere stati creati per uno scopo che non può essere considerato artistico (es. segno, firma, ideogramma, pittogramma, sigillo, ecc.).

Le opinioni possono essere moltiplicate in quanto è un argomento aperto alla speculazione. Pareri simili, infatti, possono essere avanzate non solo per il Paleolitico inferiore e medio, ma anche per molti reperti preistorici in genere. Pertanto, tutti i seguenti esempi dovrebbero essere considerati prime forme di espressione artistica piuttosto che opere d’arte definitive. Gli esempi sono limitati al Paleolitico inferiore e medio.

Vongola Homo Erectus

(Trinil, Indonesia | ~500.000 anni fa)

Primi Esempi di Arte Paleolitica
Centro Naturalis per la Biodiversità, Paesi Bassi
Wikimedia ©️CC BY-SA 3.0

Fu trovato insieme ai resti di Homo erectus durante uno scavo in Indonesia nel 1890 dal geologo e paleoantropologo olandese Eugène Dubois. Le linee sulla vongola, che sono state conservate nel museo insieme ad altri reperti per molti anni, sono passate inosservate per oltre 100 anni. Poiché le linee erano troppo deboli per essere notate a prima vista, diventavano chiare solo quando la luce le colpisce da una certa angolazione. Tuttavia, nel 2007, quando Stephen Munro, uno studente di dottorato, ha notato le linee, gli studi sono iniziati immediatamente.9

Come risultato dell’analisi, è stato determinato che le linee sono state tracciate tra 430.000 e 540.000 anni fa.10 Ciò corrisponde a circa 200.000-300.000 anni prima della comparsa dell’Homo sapiens.

La scoperta delle righe sulla vongola ha generato polemiche oltre che fermento. Da una parte chi interpreta la vongola come opera d’arte, dall’altra chi si oppone fermamente… E gli scettici che non stanno da nessuna parte…

Non è noto per quale scopo siano state tracciate le linee. Pertanto, ci sono molti scenari diversi. Questa è in realtà la ragione più importante del circolo vizioso sul fatto che le linee possano essere interpretate come arte o meno.

Gioielli Da Artigli d’Aquila

(Krapina, Croazia | ~130.000 anni fa)

Primi Esempi di Arte Paleolitica
📷 Luka Mjeda | Artigli d’Aquila

Gli artigli d’aquila, scoperti in un sito di Neanderthal in Croazia, risalgono a circa 130.000 anni fa. Uno studio del 2014 ha scoperto che gli artigli d’aquila erano usati come gioielli, come un braccialetto o una collana.11

Molti antropologi pensavano che ai Neanderthal mancasse la capacità di pensare simbolicamente. Pertanto, questi artigli sono importanti per la paleoantropologia e per la storia dell’arte. Il periodo di tempo a cui appartengono gli artigli coincide quasi con l’emergere del pensiero simbolico menzionato da Alan Barnard.

Una delle opinioni avanzate riguardo agli artigli era che i Neanderthal copiassero questo comportamento dagli umani moderni. Il bioantropologo David W. Frayer dell’Università del Kansas non è d’accordo con questo punto di vista:

Il sito di Krapina non ha altro che strumenti musteriani e uomini di Neanderthal. Inoltre, gli esseri umani moderni non erano nell’area per circa 100.000 anni dopo l’uso degli artigli, quindi i Neanderthal non avrebbero potuto copiarli dai moderni, a meno che non fossero veggenti, ovviamente.” (14 ottobre 2022 – ULUKAYIN)

Gli artigli sono noti per essere stati usati come bracciale o collana grazie ai segni delle corde, ma lo scopo esatto non è chiaro. La prima cosa che mi viene in mente è che venivano usati per scopi ornamentali come i gioielli di oggi. Ma i Neanderthal potrebbero avere tali preoccupazioni? O dovremmo lasciare da parte il romanticismo e considerare possibilità come rituali o status?

Maschera La Roche-Cotard

(Indre-et-Loire, Francia | ~75.000 anni fa)

Primi Esempi di Arte Paleolitica
📷 Thilo Parg ©️CC BY-SA 4.0

È stato trovato nel 1975 all’ingresso di una grotta chiamata La Roche-Cotard. Si pensa che sia stato ereditato dai Neanderthal. Alcuni archeologi l’hanno interpretata come una maschera perché il suo aspetto ricorda un volto. Tuttavia, molti scienziati ritengono che questo oggetto si sia formato per caso a seguito di processi geologici e sono scettici su qualsiasi intervento di Neanderthal.

La maschera La Roche-Cotard è essenzialmente una selce. L’oggetto che viene spinto nello spazio all’interno della pietra e rappresenta gli occhi è un pezzo di osso. Con il primo test al radiocarbonio, si pensava che la maschera avesse 33.000 anni, ma con l’ultimo test OSL si è capito che avesse circa 75.000 anni.12

Paul Pettitt, professore di archeologia paleolitica, ha detto quanto segue riguardo all’età della maschera:

La nuova datazione del livello contenente la “maschera” mi sembra buona, anche se supponendo che l’errore (+/-) associato alla data sia espresso in una, non due, deviazioni standard, la fascia di età di quel livello è compresa tra 69.000 e 81.000 anni fa, quindi non necessariamente 75.000.(17 ottobre 2022 – ULUKAYIN)

Paul Pettitt ha dichiarato di non essere convinto di considerare l’oggetto in questione come un’opera d’arte e che la nuova data non ha cambiato nulla.

Grotta di Blombos

(Western Cape, Sud Africa | ~73.000 anni fa)

Primi Esempi di Arte Paleolitica
📷 Craig Foster

I primi scavi nella grotta di Blombos, situata all’estremità meridionale dell’Africa, sono stati effettuati nel 1991. Nella grotta sono state distinte sette fasi di insediamento principali, occupata dall’uomo da 100.000 a 70.000 anni fa e da 2000 a 300 anni fa.13

Ciò che rende la Grotta di Blombos significativa per l’arte preistorica è un pezzo di roccia trovato per caso nel 2011. A prima vista era ovvio che le linee rosse diagonali sulla roccia erano state disegnate da una mano consapevole.

Dopo sette anni di analisi dettagliate, si è capito che i modelli sono stati tracciati circa 73.000 anni fa. Ciò significava circa 30.000 anni prima dei primi disegni di Homo sapiens in Europa. Francesco d’Errico dell’Università di Bordeaux ha interpretato i modelli come i primi disegni conosciuti nella storia umana (Homo sapiens).14

Non sappiamo cosa stesse pensando la persona che ha disegnato i modelli. Tuttavia, è ovvio che la roccia ha contribuito a nuove idee sull’origine dell’uso dei simboli.

Grotta di Maltravieso

(Cáceres, Spagna | ~66.700 anni fa)

Primi Esempi di Arte Paleolitica
📷 H. Collado

La grotta di Maltravieso, uno degli insediamenti del Paleolitico medio, fu scoperta nel 1951. Fu occupata dai Neanderthal. Attraverso il test uranio-torio, gli archeologi hanno rivelato che la sagoma della mano nella grotta ha almeno 66.700 anni. Questa notizia è stata annunciata in molte riviste e siti web con il titolo “È stato dimostrato che i Neanderthal facevano arte”. Perché al momento della creazione delle impronte delle mani, l’Homo sapiens aveva almeno 20.000 anni in più per raggiungere la Spagna.15

Oltre a Maltravieso, motivi rossi sono stati ritrovati anche nelle grotte di La Pasiega e di Ardales. Alcuni dei motivi erano troppo lontani dalla luce del giorno. Ciò significava che coloro che realizzavano i motivi producevano pigmenti rossi e accendevano il fuoco o portavano il fuoco negli abissi. Pertanto, i motivi nelle grotte non erano sicuramente solo un’occupazione per il tempo libero. Hanno mostrato che i Neanderthal, che sono stati descritti in modo rude e selvaggio, hanno la capacità di pensare in modo astratto e simbolico.

I motivi nelle grotte di Maltravieso, La Pasiega e Ardales dimostrano che i Neanderthal avevano la capacità di usare simboli e pensare in modo astratto? Secondo il professor João Zilhão dell’Università di Lisbona, sì:

Data la loro età minima, i motivi in quelle grotte devono essere stati dipinti da Neandertal. Questi motivi sono astratti (punti, schizzi di vernice, tratti lineari) o simbolici (sagome a mano). Da queste due premesse, la conclusione deve essere che i Neanderthal avevano la capacità di usare simboli e pensare in modo astratto. Almeno così credo l’avrebbe detto Aristotele.

Quindi, una specie senza la capacità di pensare in modo astratto può fare tali disegni?

Se puoi fornire un esempio di una tale specie, accetterò che potrebbe essere il caso. Puoi? Io stesso, finora, non sono riuscito a trovarne uno.”

Una specie con la capacità di pensare in modo astratto non dovrebbe lasciare più disegni o oggetti per dimostrarlo?

Sì. E i Neandertaliani hanno lasciato altri esempi, come l’uso della pittura del corpo e oggetti di ornamento personale (pendenti fatti di osso, dente, conchiglia di mollusco e fossili). Per quanto riguarda in particolare le pitture rupestri, motivi come quelli che hanno prodotto il Sono note >64000 età minime in molte altre grotte dell’Europa sudoccidentale. Potrebbero essere altrettanto antiche, o anche più antiche. Si noti che, quando si utilizza il metodo Uranium-Thorium, si datano gli accrescimenti carbonatici che crescono sopra i dipinti. l’età di tale accrescimento fornisce un’età minima per l’arte sottostante ma non ci dice quanto tempo è trascorso tra l’esecuzione dell’arte e il momento in cui detto accrescimento ha iniziato a crescere su di essa, quindi resta del tutto possibile che sia stato trovato un punto rosso sotto calcite datato, diciamo, a 24000 anni fa, è infatti più antico di un altro punto trovato sotto calcite datato, diciamo, a 64.000 anni fa. Gli esempi spagnoli che citi sono quelli in cui è stato possibile provare che i Neandertal erano stati una grotta pa inter. Non c’è assolutamente motivo di pensare che quelle siano le uniche grotte dove hanno dipinto, né che quei motivi siano gli unici in quelle grotte che avrebbero potuto essere dipinti da loro. In ogni caso, perché avresti bisogno di più esempi del possesso di una data capacità per valutarne l’esistenza? Non basterebbe uno solo? Osservare che, entro i cinque anni di età, un dato bambino ha la capacità di imparare a leggere e scrivere è sufficiente per dedurre che tale capacità esiste nei bambini di cinque anni anche se la maggior parte dei bambini impara a leggere e scrivere solo in età avanzata . Giusto?(17 ottobre 2022 – ULUKAYIN)

Osso di Cervo Intagliato

(Bassa Sassonia, Germania | ~51.000 anni fa)

Primi Esempi di Arte Paleolitica
📷 V. Minkus

A metà del 2021, gli scienziati hanno annunciato la scoperta di un osso di cervo scolpito in una grotta sui monti Harz. I test al radiocarbonio hanno determinato che l’osso aveva circa 51.000 anni. Ciò significava che l’osso era stato scolpito dai Neanderthal. Questo perché l’Homo sapiens aveva almeno da 10.000 a 20.000 anni per diffondersi in questa regione.

Ma è certo che i Neanderthal abbiano realizzato le incisioni sull’osso? L’osso potrebbe essere stato usurpato a causa di un possibile contatto precoce con gli esseri umani moderni? Silvia Bello del Dipartimento di Scienze della Terra, Museo di Storia Naturale di Londra:

Gli autori dell’articolo suggeriscono che l’intaglio sia stato realizzato da Neanderthal. Credo che questo sia il caso considerando l’associazione e il contesto archeologico. Dubito che i Neanderthal l’abbiano preso dagli umani moderni, poiché è improbabile che questa popolazione sia stata in contatto con l’uomo moderno a questo punto.” (17 ottobre 2022 – ULUKAYIN)

L’analisi dell’osso mostra che l’osso è stato prima ammorbidito e poi scolpito. 51.000 anni fa il modo più pratico per farlo era probabilmente bollire l’osso.16

È noto che la grotta, chiamata Einhornhöhle, dove è stato trovato l’osso, era abitata da Neanderthal 130.000 anni fa. Questa scoperta è importante per l’arte preistorica, poiché le opere “d’arte” attribuite ai Neanderthal si trovano spesso nell’Europa meridionale.

L’arte nel post-Paleolitico Medio

Con la fine del Paleolitico medio intorno al 40.000 aC, inizia il Paleolitico superiore. Nel primo Paleolitico superiore, i Neanderthal furono spazzati via e l’Homo sapiens dominò definitivamente.

Le opere d’arte del Paleolitico superiore consistono principalmente in incisioni, pitture rupestri e figurine femminili. Il motivo più importante per cui le opere di questo periodo sono molto più ricche e complicate delle precedenti è la Rivoluzione Cognitiva in Homo sapiens.

Le persone che hanno condotto una vita di cacciatori-raccoglitori hanno messo la “firma della civiltà” con le figure di animali che hanno disegnato sulle pareti della grotta e hanno rivelato da quale tipo di prospettiva veniva valutata la natura.



  1. the arts“, Britannica, The Editors of Encyclopaedia, Encyclopedia Britannica, 15.02.2018^
  2. “Sapiens: A Brief History of Humankind”, Yuval Noah HARARI, Harper Collins USA, ISBN: ‎978-0062316097^
  3. “REM Sleep and Dreaming: Towards a Theory of Protoconsciousness”, J. Allan HOBSON, Nature, 01.10.2009^
  4. “Neuroscience of Imagination and Implications for Human Evolution”, Andrey VYSHEDSKIY, Boston University, Curr Neurobiol 2019; 10(2): 89-109^
  5. Evolution of Prefrontal Cortex“, T.M. PREUSS & S.P. WISE, Neuropsychopharmacol. 47, 3–19, 2022^
  6. “Genesis of Symbolic Thought”, Alan BARNARD, Cambridge University Press, ISBN: ‎978-1107025691^
  7. Oldest stone tools pre-date earliest humans“, Rebecca MORELLE, Science Correspondent, BBC News, 20.05.2015^
  8. “Climate Evolution During the Late Glacial and the Holocene”, Aurel PERŞOIU, Landform Dynamics and Evolution in Romania, 57-66, 2017^
  9. Shell ‘art’ made 300,000 years before humans evolved“, Catherine BRAHIC, NewScientist, 03.12.2014^
  10. Homo erectus at Trinil on Java used shells for tool production and engraving“, Josephine C. A. JOORDENS, Francesco d’ERRICO, Wil ROEBROEKS, Nature 518, 228–231, 2015^
  11. Evidence for Neandertal Jewelry: Modified White-Tailed Eagle Claws at Krapina“, Davorka RADOVČIĆ, Ankica Oros SRŠEN, Jakov RADOVČIĆ, David W. FRAYER, 2015^
  12. Nouvelle datation du « masque » de La Roche-Cotard (Langeais, Indre-et-Loire, France)“, Jean-Claude MARQUET, Michel LORBLANCHET, Christine OBERLIN, Edit THAMO-BOZSO and Thierry AUBRY, 2016^
  13. Nel TH, Henshilwood CS (2016) “The Small Mammal Sequence from the c. 76 – 72 ka Still Bay Levels at Blombos Cave, South Africa – Taphonomic and Palaeoecological Implications for Human Behaviour” PLoS ONE 11(8): e0159817^
  14. Earliest known drawing found on rock in South African cave“, Ian SAMPLE, The Guardian, 12.09.2018^
  15. It’s Official: Neanderthals Created Art“, Alistair PIKE & Chris STANDISH, SAPIENS, 28.05.2018^
  16. Beautiful Bone Carving From 51,000 Years Ago Is Changing Our View of Neanderthals“, Conor FEEHLY, Science Alert, 05.07.2021^
La conoscenza si moltiplica quando condivisa:

One thought on “L’Origine dell’Arte e i Primi Esempi di Arte Paleolitica

Comments are closed.