Jomsborg era reale? Nuove scoperte possono supportare l’esistenza del castello vichingo del X secolo

Jomsborg era reale? Nuove scoperte possono supportare l’esistenza del castello vichingo del X secolo

Una scoperta archeologica sull’isola polacca di Wolin ha riacceso l’annoso dibattito sull’esistenza e l’ubicazione del leggendario castello vichingo di Jomsborg del X secolo.

Wolin
L’isola di Wolin si trova nel Mar Baltico, al largo della costa nord-occidentale della Polonia. Si trova a 205 chilometri a nord-est di Berlino ea circa 33 chilometri dal confine tedesco.

Il dottor Wojciech Filipowiak, un archeologo dell’Istituto di archeologia ed etnologia dell’Accademia polacca delle scienze (Polskiej Akademii Nauk), ha scoperto prove convincenti che potrebbero potenzialmente svelare un mistero che ha lasciato perplessi gli storici e gli studiosi vichinghi per oltre cinque secoli.

La svolta inaspettata è avvenuta durante la costruzione di una torre di osservazione in un parco pubblico sulla pittoresca isola di Wolin, situata nel Mar Baltico. Mentre i lavoratori scavavano in profondità nella terra, portarono alla luce resti di manufatti che sembrano indicare l’esistenza di una fiorente città durante il X secolo. Queste scoperte hanno suscitato un enorme entusiasmo all’interno della comunità archeologica, poiché offrono indizi allettanti che indicano la potenziale esistenza di Jomsborg.

I manufatti scoperti dal Dr. Filipowiak e dal suo team gettano nuova luce sulla storia della vita vichinga, un argomento che è rimasto a lungo avvolto nel mistero e nella speculazione. Mentre i resti fisici di questa antica civiltà sono stati sepolti nel tempo, questi recenti ritrovamenti offrono uno sguardo al passato che ha catturato l’immaginazione di studiosi e appassionati.

Il Dr. Filipowiak, che ha dedicato la sua carriera a svelare i segreti del passato, ha dichiarato al New York Times che questa è stata una scoperta davvero entusiasmante.1

Sostenuta dal Museo Archeologico di Wolin, la scrupolosa ricerca del Dr. Filipowiak ha già prodotto risultati sorprendenti. I resti lignei trovati dalla squadra indicano la presenza di una roccaforte del X secolo nel sito.

Il significato della potenziale scoperta di Jomsborg non può essere sopravvalutato. Se le prove raccolte dal Dr. Filipowiak indicano davvero la posizione di Jomsborg, rivoluzionerebbero la nostra comprensione della storia vichinga e sfiderebbero le narrazioni prevalenti che circondano questa era influente. Le implicazioni si estendono oltre il mondo accademico, poiché la scoperta attirerebbe senza dubbio l’attenzione diffusa di storici, archeologi e appassionati di tutto il mondo, tutti desiderosi di esplorare le profondità nascoste della cultura vichinga.

Mentre l’allettante possibilità della scoperta di Jomsborg suscita entusiasmo, il dottor Filipowiak rimane cauto e fermo nel suo impegno per una rigorosa indagine scientifica. Riconosce la necessità di ulteriori ricerche e analisi approfondite per convalidare pienamente le sue scoperte iniziali. La comunità accademica attende con impazienza i risultati completi del suo studio in corso, che faranno luce sulla vera natura e sul significato di questa monumentale scoperta.

Dove si trova Jomsborg?

Si dice che Jomsborg, secondo resoconti storici e saghe, sia stata una roccaforte strategicamente importante e un centro commerciale durante il X e l’XI secolo. Tuttavia, la posizione precisa e l’esistenza di Jomsborg rimangono oggetto di dibattito e speculazione tra i ricercatori.

Le leggende e le saghe che circondano Jomsborg parlano di un leggendario guerriero di nome Palnatoke, che si ritiene abbia fondato la roccaforte. Era noto per essere il capo dei vichinghi di Jomborg, un gruppo elitario e segreto di mercenari e marinai. Si diceva che i vichinghi di Jomborg vivessero secondo un codice di condotta unico noto come Legge di Jomsborg, che enfatizzava il coraggio, la lealtà e la stretta aderenza all’onore.

Sebbene i resti fisici di Jomsborg non siano stati identificati in modo definitivo, le indagini archeologiche sull’isola di Wolin, nell’odierna Polonia, hanno rivelato tracce di una significativa presenza vichinga. Gli scavi hanno portato alla luce resti di grandi strutture in legno, bastioni difensivi e una ricchezza di manufatti, tra cui armi, gioielli e oggetti di uso quotidiano. Questi risultati forniscono preziose informazioni sulla cultura materiale e sulle dinamiche sociali delle persone che potrebbero aver abitato un insediamento fortificato nelle vicinanze.

Uno degli aspetti più intriganti di Jomsborg è la sua associazione con il famoso guerriero vichingo Harald Blåtand (dente blu), a cui viene attribuito il rafforzamento della roccaforte durante il suo regno. Si ritiene che Harald Blåtand, noto per aver unificato varie tribù vichinghe sotto la corona danese, abbia utilizzato Jomsborg come base strategica per le sue spedizioni militari nella regione. La roccaforte probabilmente ha svolto un ruolo fondamentale nella proiezione del potere danese e nel controllo delle rotte commerciali lungo il Mar Baltico.

Scoperta in Danimarca una sala vichinga che si pensa abbia 1000 anni

I vichinghi di Jomsborg, se davvero fossero esistiti, sarebbero stati rinomati per le loro eccezionali capacità di marinaio e valore militare. I racconti delle loro audaci imprese e delle loro battaglie senza paura sono stati immortalati in saghe come la “saga dei vichinghi di Jomsborg” e la “saga dei Knytlinga”. Queste saghe descrivono incontri epici con eserciti vichinghi rivali, comprese battaglie contro il re norvegese Olaf Tryggvason.2

Jomsborg, Jomsvikings at the Battle of Hjörungavágr
Vichinghi di Jomsborg nella battaglia di Hjörungavágr

L’importanza di Jomsborg come centro dell’attività vichinga è ulteriormente supportata dalla scoperta di reperti archeologici associati al commercio internazionale. Gli scavi hanno portato alla luce oggetti provenienti da terre lontane, tra cui monete bizantine e argento arabo. Ciò suggerisce che Jomsborg, se esistesse, potrebbe essere stato un hub vitale per il commercio marittimo.

Si ritiene che il declino di Jomsborg, se davvero fiorì, sia avvenuto alla fine dell’XI secolo, potenzialmente a causa di una combinazione di fattori. Alcuni resoconti storici suggeriscono che il re danese, Svend Estridsen, lanciò con successo un assalto alla roccaforte, portandola alla sua fine. Inoltre, il mutevole panorama politico della regione baltica e l’ascesa di stati centralizzati potrebbero aver giocato un ruolo nel declino di Jomsborg.

  1. A Centuries-Old Mystery – Did This Elusive Viking City Exist?“, The New York Times, Retrieved June 8, 2023^
  2. “The Saga of the Jomsvikings (The Northern Medieval World)”, Þórdís Edda JÓHANNESDÓTTIR & Alison FINLAY (Translators), Medieval Institute Publications, ISBN: 978-1580443111^
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments