Come si Verificano Notte e Giorno Secondo i Miti Kirghisi?

Come si Verificano Notte e Giorno Secondo i Miti Kirghisi?

Notte e giorno si susseguono da circa 4,5 miliardi di anni. Questo era senza dubbio molto più importante per i nostri antenati privi di tecnologia. Perché gli esseri umani avevano organizzato quasi tutto il loro lavoro quotidiano in base alla posizione del Sole nel cielo. Nel tempo rimanente, hanno cercato di spiegare i fenomeni naturali che non potevano capire. Nel tempo, ciò ha portato alla formazione di molte leggende su eventi naturali come la formazione della notte e del giorno.

Notte e Giorno nelle Società Antiche

Una delle conseguenze più importanti della rotazione terrestre attorno al proprio asse è la formazione del giorno e della notte. Tuttavia, nelle società antiche, questa formazione veniva interpretata secondo la mentalità collettiva dell’epoca.

Le società antiche generalmente trattavano la formazione della notte e del giorno in modo allegorico. Le persone hanno trasferito le convinzioni della società alle generazioni successive. E queste credenze sono diventate una parte della mitologia nel tempo.

Molte civiltà antiche come quella giapponese, azteca ed egizia hanno contribuito alla derivazione di miti sulla formazione della notte e del giorno. Uno di questi miti interessanti è nella mitologia kirghisa.

Notte e Giorno nel Tengrismo Kirghiso

Secondo l’antica credenza del tengrismo kirghiso, c’è un uccello gigante nel cielo con un’ala blu e l’altra nera. La formazione della notte e del giorno dipende dal movimento delle ali di questo uccello. Quando l’uccello muove la sua ala nera, diventa notte. E quando l’uccello muove la sua ala azzurra, diventa giorno.

Alcune comunità hanno anche raffigurato l’uccello in questione come un’aquila che tiene il Sole con l’artiglio destro e la Luna con l’artiglio sinistro.

Le aquile hanno caratteristiche arcaiche, totemistiche e animistiche sia nei miti altaici che nei racconti kirghisi.

Si pensa che il leggendario uccello noto come Bürküt o Merküt e Öksökö nelle mitologie turche e altai e l’uccello del cielo in questione siano gli stessi esseri.1

Uccello Leggendario: Bürküt – Merküt

Alcune comunità turche dell’Asia centrale chiamano le grandi aquile “bürküt”. Tuttavia, nella mitologia turca, Bürküt o Merküt è anche il nome proprio di un enorme uccello che copre il Sole con la sua ala destra e la Luna con la sua ala sinistra. La testa dell’uccello è rivolta a nord. Come accennato in precedenza, questo uccello è talvolta raffigurato con in mano il Sole e la Luna tra gli artigli. Il fatto che la testa dell’uccello sia rivolta a nord è il risultato del Sole che simboleggia il giorno e l’est, mentre la Luna simboleggia la notte e l’ovest. Tuttavia, ci sono opinioni diverse tra turcologi e folcloristi.

In una preghiera sciamana Altai citata da Wilhelm Radloff, considerato il fondatore della Turkologia, questo uccello è raffigurato come un’aquila con artigli di rame.2

Questo uccello leggendario, divinizzato come Bürküt Ata3 in alcune comunità di origine Altai, si è trasformato in una pioggia iye* in Turkmenistan e dintorni.4

İye: Una specie di spirito protettivo nella mitologia turca.

Öksökö

Bürküt o Merküt è conosciuto come Öksökö nella Repubblica di Sakha. Le comunità di origine turca raffiguravano questo uccello come un’aquila con una doppia testa e artigli di rame. Come cita İnan, la fine dell’inverno dipende dal battito delle ali di quest’aquila.5

Come puoi vedere, anche nei miti turchi del nord-est asiatico, il nome di questa aquila è menzionato come un potere soprannaturale per spiegare un fenomeno periodico, simile alla formazione della notte e del giorno. Ciò dimostra che la leggenda dell’uccello del cielo si è diffusa in un’ampia geografia nelle comunità turche.



  1. “Türk Mitolojisi Cilt II”, Bahaeddin ÖGEL, ISBN: 9789751628572^
  2. “Aus Sibirien”, Wilhelm RADLOFF, ISBN: 9783846024003^
  3. Türk Söylence Sözlüğü“, Deniz KARAKURT^
  4. Türkmenistan’da Bir Yağmur İyesi: Burkut Ata“, Ahmet GÖKÇİMEN, Bilig, Sayı: 52, 2010^
  5. “Tarihte Ve Bugün Şamanizm”, Abdülkadir İNAN, Altınordu Yayınları, ISBN: 6057702357^
La conoscenza si moltiplica quando condivisa: