Animatismo e mana: le prime fasi dell’evoluzione religiosa

Animatismo e mana: le prime fasi dell’evoluzione religiosa

Animatism and Mana

L’animatismo, un concetto fondamentale nello studio della religione primordiale, comprende la credenza in un potere generalizzato e impersonale che permea il mondo naturale. Alimentato dal concetto di forza vitale, questo sistema di credenze dota sia gli esseri viventi che gli oggetti senza vita di attributi ultraterreni.

Che cos’è l’animatismo?

Animatismo è un termine coniato dall’etnologo e antropologo culturale britannico Robert Ranulph Marett. Coniato nel quadro della sua teoria teleologica dell’evoluzione della religione, l’animatismo si riferisce a un sistema di credenze che comprende la nozione di un potere generalizzato e impersonale, su cui gli individui percepiscono come avere un certo grado di controllo.1

L’attribuzione di poteri soprannaturali e impersonali a esseri umani, animali, piante e persino oggetti inanimati da parte di certe culture può essere considerata nell’ambito dell’animatismo. Si ritiene che questi poteri trascendano il personale e riflettano una forza animatistica superiore.

Nell’animatismo, uno dei principi fondamentali risiede nel concetto di mana. Come sostiene Marett, il mana rappresenta una forma concentrata di forza animatistica. Si ritiene che il mana sia presente all’interno di ognuno di questi oggetti che conferiscono successo e potere.2

Il concetto di mana pervade molti sistemi di credenze indigene. Serve come pilastro centrale nella comprensione dell’animatismo. Questa forza concentrata conferisce agli oggetti una qualità trascendentale, conferendo loro capacità straordinarie che sono percepite come soprannaturali e impersonali.

Chi era Robert Ranulph Marett?
Robert Ranulph Marett era un etnologo e antropologo culturale britannico vissuto dal 1866 al 1943. Ha dato contributi significativi al campo dell’antropologia, in particolare nello studio della religione e della sua evoluzione. Marett è noto per la sua teoria teleologica, che proponeva una traiettoria di sviluppo delle credenze religiose. Ha sottolineato l’importanza di comprendere gli aspetti spirituali della cultura umana ed ha esplorato le connessioni tra religione, società ed esperienza individuale.

Il ruolo del mana

All’interno della struttura animatistica, come affermato in precedenza, il mana funge da fonte di successo, energia e potere. Si ritiene che risieda all’interno di persone, animali, piante e persino oggetti inanimati, dotandoli di capacità straordinarie oltre la loro natura intrinseca. Questa forza animatistica non è confinata a individui specifici ma è considerata universale, abbracciando l’intero spettro dell’esistenza.

Il mana è considerato una forza soprannaturale che opera a livello impersonale. Non è vincolato dalla volontà personale o dall’agenzia individuale, ma è percepito come un potere pervasivo e trascendentale che permea il mondo. L’attribuzione di mana a vari oggetti ed entità riflette la credenza in un universo interconnesso in cui sia gli esseri viventi che gli oggetti inanimati possiedono il potenziale per imbrigliare questa forza.

Il riconoscimento e la comprensione del mana sono cruciali per comprendere pratiche e rituali animatistici. Le culture indigene si impegnano in attività volte a invocare e sfruttare il mana, cercando di stabilire una connessione con le forze soprannaturali che si ritiene risiedano all’interno degli oggetti. Attraverso rituali, offerte e atti di venerazione, gli individui si sforzano di accedere al potere insito nel mana, cercando protezione, prosperità e favore dal regno divino.

Animatismo nelle società su piccola scala

In alcune società su piccola scala, l’animatismo gioca un ruolo cruciale nel plasmare le pratiche culturali e religiose. Queste società si trovano spesso in regioni come la Melanesia e la Polinesia nel Pacifico meridionale, dove l’animatismo assume distinte variazioni locali, comprese forme come il manaismo.

All’interno di queste società, l’animatismo offre una lente attraverso la quale gli individui interpretano il loro ambiente e interagiscono con il mondo che li circonda. Il riconoscimento delle qualità animatistiche nel mondo naturale stabilisce un senso di interconnessione e interdipendenza. Promuove un profondo apprezzamento per la santità e la vitalità di tutti gli elementi dell’esistenza, rafforzando la convinzione che ogni componente, animato o inanimato, contribuisce all’intricato equilibrio del cosmo. Questa prospettiva olistica influenza vari aspetti della loro vita quotidiana, delle strutture sociali e delle pratiche spirituali.

Nelle società su piccola scala, l’animatismo si intreccia con il tessuto culturale. Trova espressione in rituali, cerimonie e riunioni comuni. Queste pratiche diventano vie per rafforzare la credenza nelle forze animatistiche e facilitare le esperienze collettive del soprannaturale. Tali cerimonie possono comportare offerte, danze, canti e altre azioni simboliche che mirano a stabilire una connessione con il regno animatistico.

Animatismo e mana
Statua antropomorfa e scultura di pesce a Taputapuatea, Polinesia francese
(Le immagini sono state unite insieme per creare un’unica immagine.)
Foto: Kulia Petz (Flickr) ©️CC BY 2.0

Culto e rituali

Nell’animatismo, l’atto di adorazione implica dirigere la riverenza e la devozione verso specifici oggetti inanimati che si ritiene siano infusi di potere animatistico. Questo culto non è guidato dalla deificazione personale o dall’attribuzione di coscienza agli oggetti stessi, ma si fonda sul riconoscimento delle straordinarie qualità ad essi associate. Gli oggetti fungono da condotti per accedere e sfruttare le forze animatistiche che si ritiene incarnino.

I rituali all’interno dell’animatismo spesso implicano offerte cerimoniali, recitazioni di testi o canti sacri e azioni simboliche che significano rispetto e venerazione. Questi rituali vengono eseguiti individualmente o collettivamente, a seconda del contesto culturale, e sono spesso guidati da leader spirituali o sciamani che possiedono la conoscenza del regno animatistico.

Attraverso l’adorazione e i rituali, i praticanti cercano di attingere al potere del mana e stabilire una relazione armoniosa con le forze soprannaturali che percepiscono essere all’opera. Queste pratiche sono guidate dal desiderio di protezione, guida, prosperità e benessere generale.

La natura partecipativa dei rituali animatistici rafforza i legami comuni all’interno della società sviluppando un senso di identità collettiva.

L’animatismo come fase evolutiva della religione

Per comprendere l’animatismo, è fondamentale contestualizzarlo all’interno dell’evoluzione delle credenze religiose. La teoria teleologica di Marett fa luce sulla traiettoria evolutiva del pensiero religioso, sottolineando il significato dell’animatismo come tappa cruciale di questa progressione.

Secondo Marett, le credenze religiose si evolvono nel tempo, con l’animatismo che rappresenta una fase iniziale e fondamentale di questo processo evolutivo. L’animatismo emerge come una risposta naturale agli aspetti maestosi del mondo naturale e alla ricerca umana di comprendere e connettersi con le forze che governano l’esistenza.

L’animatismo funge da precursore di ideologie religiose più complesse, come l’animismo e il politeismo, in cui l’attenzione si sposta verso spiriti o divinità individualizzati con personalità e agenti distinti. Sebbene l’animatismo possa sembrare semplicistico da una prospettiva moderna, è fondamentale riconoscere il suo significato nel plasmare le successive credenze e pratiche religiose.

Riconoscendo l’animatismo come parte integrante dell’evoluzione religiosa, gli antropologi sviluppano una più profonda comprensione delle origini e delle trasformazioni del pensiero religioso. Questa prospettiva di sviluppo consente un esame completo della diversità e della ricchezza dei sistemi religiosi in tutto il mondo.

L’animatismo è riconosciuto da alcuni studiosi come un predecessore dell’animismo.3

Differenze tra animatismo e animismo

L’animatismo, come discusso in precedenza, è incentrato sulla credenza in un potere generalizzato e impersonale e sull’attribuzione di qualità soprannaturali sia alle entità animate che a quelle inanimate. Sottolinea la presenza di una forza animatistica concentrata, il mana, che conferisce agli oggetti capacità straordinarie. Nell’animatismo, l’obiettivo sta nello sfruttare questa forza per il benessere personale e comunitario.

D’altra parte, l’animismo può essere caratterizzato dall’attribuzione di spiriti individuali a vari elementi del mondo naturale. L’animismo comprende la convinzione che tutti gli esseri, inclusi animali, piante ed entità inanimate, possiedano una coscienza distinta. Questi spiriti sono spesso visti come entità personali con le proprie intenzioni, personalità e capacità di interagire con gli umani.

Mentre l’animatismo riconosce un potere generalizzato, l’animismo esplora le complessità dell’individualità spirituale e le connessioni personalizzate tra umani e spiriti. L’animismo spesso implica la venerazione e la propiziazione di questi spiriti attraverso rituali, offerte e comunicazioni con il regno soprannaturale.

Un’altra distinzione fondamentale tra animatismo e animismo risiede nel concetto di anima. L’animatismo, come discusso in precedenza, non implica la credenza in un’anima come tradizionalmente intesa in altri sistemi religiosi e filosofici. Al contrario, ruota attorno al riconoscimento di una forza vitale o energia animatistica che permea tutti gli aspetti dell’esistenza. L’animismo, d’altra parte, comprende spesso la credenza nelle anime individuali che persistono oltre la morte e hanno il potenziale per l’aldilà o la reincarnazione.

Inoltre, l’animismo tende a esibire una cosmologia spirituale più complessa rispetto all’animatismo. Implica il riconoscimento di una moltitudine di spiriti o divinità, ciascuno con le proprie caratteristiche e domini di influenza. L’animatismo, pur riconoscendo un potere generalizzato, in genere non implica lo stesso livello di intricata gerarchia e pantheon diversificato come si vede nell’animismo.

È importante notare che i confini tra animatismo e animismo a volte possono essere sfocati e che i contesti culturali svolgono un ruolo significativo nel plasmare le sfumature dei sistemi di credenze. Culture diverse possono esibire variazioni e ibridazioni di questi concetti, il che rende essenziale avvicinarsi allo studio di questi sistemi di credenze con sensibilità alle specificità culturali.

È lo stesso del panteismo?

No. Il panteismo postula che il divino sia immanente nel mondo naturale, percependo l’intero universo come divino. Considera l’universo come una manifestazione di un’entità suprema e cosciente, in cui tutto è interconnesso e parte dell’essenza divina.4

  1. “Cultural Anthropology: An Applied Perspective”, Gary FERRARO, Cengage Learning – 7th edition, ISBN: 978-0495461647^
  2. Animatism” (April 28, 2023), Wikipedia contributors, Wikipedia, The Free Encyclopedia, accessed June 30, 2023^
  3. “Folklor Kaynaklarına Göre Eski Türk ve Slav İnanç Sistemi”, Dr. Mariia TALIANOVA-EREN, Gazi Kitapevi, ISBN: 978-6257315203^
  4. “The Encyclopedia of Philosophy”, Paul Edwards (Editor), Macmillan / Collier, ASIN: B0017IMQME^
Subscribe
Notify of
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments